Il Garante dei disabili della Regione Campania, avv. Paolo Colombo: “Fase II, Coronavirus, sintesi delle misure previste per le persone con disabilità”

Condividi

Queste le dichiarazioni del Garante dei Disabili della Regione Campania, avv. Paolo Colombo dopo l’annuncio della fase 2 da parte del Presidente del Consiglio dei Ministri, prof. Giuseppe Conte: “Con il decreto del 26 aprile, il Governo ha dato il via alla fase II, dal 4 al 18 maggio, ovvero quella del rilancio in cui dovremmo convivere con la pandemia e senza abbassare la guardia, dovremmo gradualmente raggiungere la normalizzazione. Qui di seguito presento una sintesi delle misure previste per le persone con disabilità:

NARDONE

RIATTIVAZIONE CENTRI SEMIRESIDENZIALI
L’articolo 8 del DPCM titola:Ulteriori disposizioni specifiche per la disabilità, con queste disposizioni:
1. Le attività sociali e socio-sanitarie erogate dietro autorizzazione o in convenzione, comprese quelle erogate all’interno o da parte di centri semiresidenziali per persone con disabilità, qualunque sia la loro denominazione, a carattere socio-assistenziale, socio-educativo, polifunzionale, sociooccupazionale, sanitario e socio-sanitario vengono riattivate secondo piani territoriali, adottati dalle Regioni, assicurando attraverso eventuali specifici protocolli il rispetto delle disposizioni per la prevenzione dal contagio e la tutela della salute degli utenti e degli operatori.
 

USO DELLE MASCHERINE

È stato ribadito l’obbligo di utilizzare le mascherine protettive in presenza di altre persone: anche sui mezzi pubblici e anche quando si andrà a fare visita ai congiunti (e sempre evitando assembramenti). Per evitare speculazioni si abbasseranno i prezzi, giungendo ad un costo che è stato fissato di massimo 0,50 euro al pezzo al netto di IVA. L’articolo 3 del DPCM, che contiene queste disposizioni, specifica al comma 2 anche una deroga all’obbligo dell’uso di mascherine per bambini sotto i 6 anni e persone con alcune forme di disabilità:
Ai fini del contenimento della diffusione del virus COVID-19, è fatto obbligo sull’intero territorio nazionale di usare protezioni delle vie respiratorie nei luoghi chiusi accessibili al pubblico, inclusi i mezzi di trasporto e comunque in tutte le occasioni in cui non sia possibile garantire continuativamente il mantenimento della distanza di sicurezza. Non sono soggetti all’obbligo i bambini al di sotto dei sei anni, nonché i soggetti con forme di disabilità non compatibili con l’uso continuativo della mascherina ovvero i soggetti che interagiscono con i predetti.

VISITE NELLE RSA

All’articolo 1, voce x) è specificato che:
l’accesso di parenti e visitatori a strutture di ospitalità e lungo degenza, residenze sanitarie assistite (RSA), hospice, strutture riabilitative e strutture residenziali per anziani, autosufficienti e non, è limitata ai soli casi indicati dalla direzione sanitaria della struttura, che è tenuta ad adottare le misure necessarie a prevenire possibili trasmissioni di infezione.

ATTIVITA’ ALL’APERTO

All’articolo 1, voce f) è specificato che:
non è consentito svolgere attività ludica o ricreativa all’aperto; è consentito svolgere individualmente, ovvero con accompagnatore per i minori o le persone non completamente autosufficienti, attività sportiva o attività motoria, purché comunque nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno due metri per l’attività sportiva e di almeno un metro per ogni altra attività”.

loading...

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]