Il figlio del ministro dell’Interno su moto d’acqua della Polizia. Salvini: “Errore mio da papà, nessuna responsabilità va data ai poliziotti”

Condividi

Un video pubblicato in esclusiva da Repubblica mostrerebbe il figlio di Matteo Salvini al mare, mentre fa un giro sulla moto d’acqua della Polizia.

Un videomaker di Repubblica ha ripreso il figlio del ministro dell’Interno Matteo Salvini in sella a una moto d’acqua della Polizia a Milano Marittima.

La scena è stata immortalata a pochi metri dalla riva e sta suscitando polemiche. Gli agenti presenti avrebbero detto all’autore: “È un mezzo della polizia, non ci mettere in difficoltà”. Quindi avrebbero deciso di “glissare” sull’identità del ragazzo a bordo, sostenendo di non poter rispondere “per motivi di privacy”.

L’accaduto, ovviamente, ha innescato immediate reazioni politiche. A cominciare da quelle del Partito Democratico, che parla di “episodio inaccettabile”.

Morani (PD): “Povera Italia”: Condividendo il video tramite il proprio profilo Twitter, la deputata del Partito Democratico Alessia Morani scrive: “Il figlio di Salvini al mare sulla moto d’acqua della Polizia. Se fosse stato il figlio di un qualunque politico del Pd avrebbero fatto il diavolo a quattro. Sempre peggio. Povera Italia”.

“Le Forze dell’ordine della Repubblica italiana costrette a intrattenere i rampolli della famiglia Salvini. Un’umiliazione per tutti”, ha scritto su Twitter il deputato del Pd Andrea Romano.

​Alla fine è arrivata la richiesta di dimissioni: Polizia non appartiene al ministro di turno, non è a disposizione dei sollazzi della sua famiglia: se tutto fosse confermato così, il ministro dovrebbe lasciare il suo incarico perché non in grado di garantire l’autonomia della Polizia e dei corpi dello Stato che sono alle sue dipendenze”, afferma il deputato Pd Marco Di Maio.

Sul caso la questura di Ravenna ha avviato un accertamento per verificare se si tratti di un utilizzo improprio di un mezzo delle forze dell’ordine.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]