Il calendario 2023 di Angelo Iannelli a sostegno di Pulcinella e di Napoli

Condividi

Dopo il successo delle passate  pubblicazioni  del  primo calendario umano al mondo  di Pulcinella  , richiesto in : Giappone , U.S.A  , Germania e diverse regioni d’Italia . L’attore e scrittore Angelo Iannelli, interprete del personaggio simbolo di Napoli e Acerra , continua a regalarci momenti di spensieratezza e allegria , con il suo personaggio . Il  suo progetto è stato curato minuziosamente in stile settecentesco, con bellissimi scatti fotografici effettuati a  Napoli sul lungomare, al centro storico ,a San Gregorio Armeno  e Posillipo,  con  strumenti tipici  e scaramantici del tempo, come: la fisarmonica, il mandolino , la tammorra, il corno e dove si evidenzia la sua fame con: la pizza, i maccheroni , i   formaggi e  un buon bicchiere di vino. L’obbiettivo dell’ ambasciatore del sorriso è quello di far ricordare Pulcinella  ,  Napoli e i suoi posti  più belli, che continuano a richiamare turisti da tutto il mondo . il poliedrico Iannelli è riuscito a dargli  in questi anni un volto sociale , con il suo impegno per la terra dei fuochi, la pandemia , la legalità , asserisce:  la maschera eterna  è una vera terapia per bambini e adulti , bisogna  sostenerla per la nomina di Patrimonio Unesco come bene immateriale e poi è un portafortuna , ho voluto in questo mio progetto internazionale portare negli scatti geniali  di  Burrone   le strade e i luoghi più belli della città. Per la realizzazione del progetto ci sono voluti diversi mesi per  la migliore perfezione progettuale. La presentazione del calendario avverrà prossimamente alla presenza di diverse personalità del panorama artistico, sociale e culturale. Progetto Angelo Iannelli, partner  del  calendario l’Associazione Vesuvius A. P.S  , fotografo  Vincenzo Burrone , Pulcinella Angelo Iannelli

https://www.youtube.com/watch?v=5O-Bpu1rlHQ

https://www.youtube.com/watch?v=SnAEjwBP8WY&t=105s

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]