Identità smarrite e Tarocchi dalla creatività, Marco Iannaccone/Scarlet Lovejoy espone ad Amsterdam

Condividi

La fantasia di Marco Iannaccone, in arte Scarlet Lovejoy, non conosce sosta. L’artista approda ad Amsterdam il 6 maggio, con una mostra personale, presentando tematiche su aspetti e problemi dell’attuale società. Le immagini contemporanee, fatte di chiaroscuri e contrasti cromatici, comunicano l’ inquietudine e  il mistero che si cela nella rappresentazione degli arcani maggiori.

NARDONE

Provocatorio, moderno, seducente, Scarlet  dichiara: “Lo svelamento del mistero stesso, risiede nell’intuizione alogica e poetica che fa di un solo scatto la rivelazione dell’abisso e la contraffazione di ogni sguardo assoluto”.

Identità smarrite racconta l’estraneità dalla vita sociale, presentata attraverso la ricerca artistica. L’artista vaga sperduto in un tempo che conosce i prezzi di ogni cosa e non i valori, in cui i circuiti del sapere sono sconnessi da quelli del potere. La ricerca di Scarlet si scontra con un paese travolto dai piccoli/grandi opportunismi, incapace di essere all’altezza della sua tradizione artistica e culturale. I suoi autoritratti sono appunto la messa in scena del fallimento della nazione.

E’ innovativo l’espediente comunicativo con cui Scarlet indossa abiti al contrario e sovrappone frammenti di quadri dell’Ottocento ad immagini contemporanee. L’artista offre il suo corpo che deve adeguarsi a costumi sociali ormai non più accettabili, a modelli che imprigionano gli italiani che non sanno dialogare con il passato. Il senso di smarrimento risiede nell’annullamento dei tratti del viso.

Un messaggio questo, percepibile anche nell’interpretazione che l’artista dà degli Arcani Maggiori. Marco Iannaccone, traendo spunto dall’osservazione di una realtà precaria e moralmente depravata, ci riconsegna il profilo allucinato di un cosmo ormai (s)finito, in cui non c’è più cabala, magia o altri esoterismi da cui sperar riscatto.

loading...

Pina Stendardo

Giornalista freelance presso diverse testate, insegue la cultura come meta a cui ambire, la scrittura come strumento di conoscenza e introspezione. Si occupa di volontariato. Estroversa e sognatrice, crede negli ideali che danno forma al sociale.