I vaccini, i Dpcm e il solito teatrino Conte Arcuri

Condividi
anna tortora
Anna Tortora

I vaccini sarebbero la soluzione più adatta contro il Coronavirus, ma, come al solito, l’incompetenza e la mancanza di serietà prevalgono.

“Sta per iniziare il grande circo mediatico per i primi vaccini che si faranno domenica 27 dicembre. Il furgone contenente 9.750 dosi del vaccino anti-Covid di Pfizer-Biontech destinate all’Italia è arrivato alla caserma di Tor di Quinto a Roma, scortato dalle auto dei carabinieri che lo hanno affiancato dal confine (fino ad allora viaggiava con la scorta?) Le dosi saranno suddivise in venti scatole per le venti regioni, che verranno poi consegnate ai militari (300 mobilitati per le consegne entro un raggio di 300 km). 5 Aerei per le regioni più lontane. Insomma quanto ci costa tutto questo ambaradam? Un conto è distribuire e fare la campagna vaccinale, un altro costruire un totem mediatico che ha ben altri obiettivi di controllo e consenso”.
Marco Rizzo

Grillo dice “I vaccini li farò tutti, in un’unica stringata”. È un’affermazione da fare?

“Un buffone che dice idiozie è la notizia del giorno messa in evidenza da tutti i giornali italiani. Gli stessi giornali che domani riprenderanno a scrivere editoriali sulla scarsa qualità della classe dirigente italiana. Come se non ne facessero parte anche loro”.
Carlo Calenda

Confusione e incompetenza sono le caratteristiche principali del Governo.

“Il Governo non è in grado di affrontare la pandemia e di pianificare il Recovery Plan. Detto questo, non è serio minacciare una crisi – in questo momento – per poi finire a tarallucci e vino. La legge di bilancio, annunciata come miracolosa, è una somma caotica di piccoli bonus”.
Carlo Calenda

Hanno criticato ogni avversario politico, hanno basato la loro “politica” sull’insulto e sulla loro presunta onestà ma, purtroppo per loro, i fatti li smentiscono di continuo.

“Ricordo nella passata legislatura il sistematico sdegno dei 5 Stelle, ad ogni legge di bilancio, per quelle che definivano ‘marchette’.
Con loro al Governo e partito di maggioranza relativa, questa poco commendevole prassi è cresciuta in modo esponenziale e questa legge di bilancio è un tripudio di interessi ultra-particolaristici soddisfatti con qualche milione qua e qualche milione là.
Francamente mi dispiace.
Che non fossero minimamente all’altezza, non ho mai avuto dubbi, ma che sbracassero in modo così clamoroso e veloce pure sul fronte dell’idealismo non pensavo e non me lo auguravo”.
Enrico Zanetti

E non dimentichiamo le privazioni continue in virtù di una catastrofe preannunciata.
“Bisognerà cercare una giustificazione. Da tempo ci hanno pronosticato la terza ondata. Bisognerà solo decidere a cosa attribuirla. La verità è che il Governo  più che predisporre un programma di convivenza con il virus a garanzia dell’incolumità generale, si sta prodigando per precostituirsi una serie di alibi alla propria inettitudine: sia con la variante inglese, amplificata mediaticamente malgrado le informazioni sulla sua aggressività siano incomplete, sia con lo spauracchio della terza ondata, agitata dal commissario straordinario  Domenico Arcuri, come impedimento alla somministrazione dei vaccini”.
Andrea Amata

L’ Avvocato degli Italiani ha dimenticato qualcosa?
Tra le tante polemiche ci sono, nuovamente, i Dpcm.
“Restrizioni, lockdown e coprifuoco. Eppure, stando allo studio del 18 Dicembre della Johns Hopkins University, dai dati emerge che l’Italia è il Paese al mondo con la più alta mortalità per Coronavirus ogni 100mila abitanti: 111,23 decessi ogni 100mila abitanti, seguono la Spagna (104,39), il Regno Unito (99 49) e gli Stati Uniti (94,97). Evidentemente i Dpcm sono serviti a ben poco”.
Luca Sablone

Il famigerato modello italiano di cui si vantava Conte è praticamente una montatura, un’illusione per sé e per gli altri, bisogna solo sperare che si ravveda per una pianificazione seria dei vaccini.

Anna Tortora

Nata a Nola. Si è laureata alla Pontificia facoltà teologica dell'Italia meridionale. Le sue passioni sono la politica, la buona tavola, il mare e la moda. Ha militato per diversi anni in Azione Giovani e poi in Alleanza Nazionale. Accanita lettrice, fervente cattolica e tifosa del Milan.