I social come opportunità, a Digitale Italia gli interventi della Commissione Europea

Condividi

Linee guida e buone pratiche nell’approfondimento del format web di Aidr 

 

NARDONE

Sono uno strumento fondamentale per restare in contatto, aggiornarsi e informarsi. In Italia sono circa 41 milioni gli utenti attivi sui social network, eppure nonostante la massiccia diffusione, manca ancora una consapevolezza sulle potenzialità e i rischi legati ai nuovi mezzi di comunicazione. Quali sono gli strumenti per difendersi e in che modo possiamo educare i ragazzi ad uso corretto dei social? Questi i temi al centro della puntata Digitale Italia. Ospiti del format web di Aidr, Stefano Castellacci, Digital Leader della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea e Paolo Tedeschi  Corporate Communication & Marketing Senior Manager di Canon Italia. “L’Europa è molto attenta a questa tematica – ha sottolineato nel corso del suo intervento Stefano Castellacci Digital Leader della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea. Attraverso una serie di interventi di formazione e sensibilizzazione, come il progetto Re- Educo promosso dalla Commissione Europea e dedicato alla formazione delle competenze digitali, abbiamo approfondito insieme agli studenti delle scuole aderenti all’iniziativa, tematiche di grandissima attualità: come il cyberbullismo, la lotta alle fake news e la tutela della privacy sui social.” “Anche le aziende hanno in questo momento una grandissima responsabilità sui social – ha sottolineato nel corso del suo intervento Paolo Tedeschi Corporate Communication & Marketing Senior Manager di Canon Italia. Essere presenti sui social, vuol dire in primis mettersi in ascolto delle esigenze dell’utente, utilizzando un linguaggio appropriato e rispettando sensibilità e spazi della rete.”

Vedi la puntata qui Clicca qui

Ascolta la puntata qui Clicca qui

loading...

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]