I riservisti ucraini si addestrano per la guerra con la Russia

Condividi

Biden: “Se la Russia sceglie di abbandonare la diplomazia e attaccare l’Ucraina, la Russia si assumerà la responsabilità e dovrà affrontare conseguenze rapide e gravi”.

La Russia non è riuscita a evitare la riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sulla crisi ucraina, con 10 dei 15 membri che hanno votato a favore delle deliberazioni degli USA.

In precedenza, l’ambasciatore russo dell’Onu Vasily Nebenzia ha definito infondato l’incontro richiesto dagli Usa, aggiungendo che si trattava di un esempio di “diplomazia megafono”.

Gli Stati Uniti hanno richiesto l’incontro in seno al Consiglio di sicurezza perché essi e i loro alleati temono un’invasione russa dell’Ucraina.

Gli Stati Uniti chiedono il ritiro dei circa 100.000 soldati russi che si sono ammassati sul confine ucraino.

La Russia ha ripetutamente negato le accuse di un’invasione pianificata.

Nebenzia ha accusato gli americani di aver fomentato con isteria  “accuse infondate”, aggiungendo che non c’erano truppe russe in Ucraina.

“La situazione che stiamo affrontando in Europa è urgente e pericolosa”, ha affermato Thomas-Greenfield nel suo discorso di apertura. Le azioni della Russia colpiscono il cuore stesso della Carta delle Nazioni Unite”. Ha detto che la formazione militare russa ha rappresentato “un’escalation in un modello di aggressione che abbiamo visto dalla Russia ancora e ancora”.

Nebenzia ha accusato la Thomas-Greenfield di fare un “guazzabuglio di accuse” poiché ha affermato che gli Stati Uniti e i loro alleati occidentali stavano creando una crisi per creare un cuneo tra Russia e Ucraina.

Ha detto che la Russia voleva la pace.

Il New York Times riporta che, sebbene l’incontro di due ore non abbia portato ad alcuna azione, l’amministrazione Biden lo considerava un passo importante per dimostrare che gli Stati Uniti avrebbero resistito alla Russia per le sue minacce di invadere l’Ucraina.

Gli Stati Uniti hanno già minacciato di scatenare sanzioni economiche paralizzanti sulla Russia in caso di invasione dell’Ucraina.

“Abbiamo chiarito alla comunità internazionale tutte le implicazioni di questa minaccia, non solo per l’Ucraina, ma per i principi fondamentali della Carta delle Nazioni Unite e del moderno ordine internazionale”, ha affermato Biden in una dichiarazione della Casa Bianca pubblicata dal New York Times .

“Se la Russia è sincera nell’affrontare le nostre rispettive preoccupazioni in materia di sicurezza attraverso il dialogo, gli Stati Uniti, i nostri alleati e partner continueranno a impegnarsi in buona fede. “Se invece la Russia sceglie di abbandonare la diplomazia e attaccare l’Ucraina, la Russia si assumerà la responsabilità e dovrà affrontare conseguenze rapide e gravi”.

Intanto a Kiev, privati cittadini si addestrano alla guerra tra i ruderi industriali vicino alla capitale, percorrendo chilometri di boschi gelati e inospitali: “Qualcuno vuole attaccare casa nostra e noi la vogliamo proteggere. La minaccia è reale, perché la Russia ci ha già attaccato nel 2014 e ci ha già mostrato che possono occupare i territori. Nel 2014 l’esercito non era pronto, adesso la situazione è diversa”

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]