I Liberali Europei conquistano i paesi dei Monti Lattari. La denuncia del dr Giovanni Cascone, uno dei primi aderenti al Partito Liberale Europeo

Condividi

Sono tanti i problemi che attanagliano i Monti Lattari, territorio che comprende 27 comuni, dalla penisola sorrentina alla costiera amalfitana, distribuiti tra le due province di Napoli e Salerno, le istituzioni sono silenti e tardano ad intervenire anche su semplici problemi. Alcuni esempi :

NARDONE

– rete stradale, siamo di fronte ad un Vietnam di buche che non fanno altro che provocare incidenti a danno di auto e motoveicoli. Sono anni che le istituzioni (provincia, comuni e regione) sono latitanti
– problema poverta’: i servizi sociali non funzionano, vengono dati sussidi e buoni a persone che versano in buone condizioni economiche e vengono messi ai margini i veri poveri, quelli che non hanno il coraggio di confessare l’impossibilità di un minimo di sopravvivenza. Ormai aumentano ogni giorno le famiglie che non riescono a pagare una bolletta o mettere un piatto caldo a tavola
– la disoccupazione : i centri per l’impiego non funzionano, inoltre da oltre vent’anni non si mette mano a nuove infrastrutture per creare lavoro sul territorio. Gli esercenti chiudono e con il non fare, l’ultimo governo Conte ha contribuito a rendere la sopravvivenza ancora più difficile, auspichiamo che il governo appena insediato, riesca a offrire opportunità per il nostro territorio.
– la Sanita’: l’ospedale di Castellammare, unico presidio ospedaliero, è oramai insufficiente per riuscire a offrire i giusti servizi al territorio [ non e’ possibile che tutti preferiscono andare al nord per interventi chirurgici perchè non si fidano dei medici campani] insomma e’ un disastro, la politica territoriale si svegli e produca le giuste azioni prima che sia troppo tardi.

DR.CASCONE GIOVANNI
COORDINATORE SEZIONE
Casola – Lettere – Gragnano
Partito Liberale Europeo

loading...

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]