Guerra, vertice Nato: “Deciso l’invio di 4 gruppi di combattimento in Bulgaria, Romania, Slovacchia e Ungheria”

Condividi

I leader dell’Alleanza atlantica si sono riuniti oggi per “rafforzare ulteriormente la deterrenza della Nato e i meccanismi di difesa” dopo lo scoppio del conflitto. Deciso l’invio di 4 gruppi di combattimento in Bulgaria, Romania, Slovacchia e Ungheria.

I leader della NATO hanno deciso oggi di estendere il mandato di Jens Stoltenberg come segretario generale per un anno in più, poiché l’alleanza militare occidentale continua a rispondere all’invasione russa dell’Ucraina.

Stoltenberg ha ricoperto la carica da ottobre 2014.

Ecco un breve riassunto di ciò di cui ha parlato il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg durante la sua conferenza stampa:

  • “Gli alleati oggi hanno deciso di fornire più assistenza all’Ucraina, anche dal punto di vista militare. Più armi all’Ucraina, tra questi si contano armi anti carro, difese anti missili e droni, che si sono dimostrati molto efficaci: nel corso del vertice straordinario dell’Alleanza atlantica i 30 Paesi della NATO hanno deciso di migliorare “la nostra preparazione e prontezza per le minacce chimiche, biologiche, radiologiche e nucleari”. Sono queste le decisioni prese dai membri del Patto atlantico riuniti a Bruxelles, alla presenza di Joe Biden e in collegamento video con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.
  • Gli alleati poi assisteranno l’Ucraina con aiuti finanziari e umanitari”. Stoltenberg ha anche confermato che la NATO ha deciso di inviare ulteriori 4 gruppi di combattimento in Bulgaria, Romania, Slovacchia e Ungheria. “Miglioreremo la nostra preparazione e prontezza per le minacce chimiche, biologiche, radiologiche e nucleari. Prenderemo ulteriori decisioni quando ci incontreremo a Madrid”, si legge poi nel comunicato diffuso al termine del summit straordinario dell’Alleanza Atlantica.
  • “Siamo preoccupati” sul possibile uso di armi chimiche della Russia “perché vediamo che sta cercando di creare una sorta di pretesto accusando l’Ucraina, gli Usa e gli alleati della Nato prepararsi ad usare armi chimiche e biologiche e abbiamo visto prima che questo un modo di accusare gli altri è effettivamente una via per creare un pretesto per fare lo stesso loro stessi”, ha detto il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg. “Le accuse contro l’Ucraina sono assolutamente false e qualsiasi uso di armi chimiche cambia totalmente la natura del conflitto” e “avrà ampie conseguenze diffuse”.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]