Guardia Sanframondi, l’opposizione: il nostro comune è retrocesso in serie B

Condividi

Dopo un anno e mezzo di Amministrazione Di Lonardo il degrado di Guardia è sotto gli occhi di tutti

A un anno e mezzo dalla nuova Amministrazione Comunale di Guardia Sanframondi, il bilancio effettuato dall’opposizione consiliare non è di certo positiva. Il risultato è una clamorosa retrocessione del comune in serie B.

“Un paese fermo – dichiarano i membri di opposizione consiliare – che ha perso quella leadership guadagnata con la precedente Amministrazione in ben dieci anni di duro lavoro”.

Non solo: importanti finanziamenti ottenuti dal passato governo cittadino sono ora stati revocati.

“Il Miur – proseguono i consiglieri di Guardia sei tu – ha richiesto la restituzione dell’anticipazione pari a euro 295 mila (di cui 85.978,00 già impegnati) accreditati per la ristrutturazione dell’edificio scolastico “A. De Blasio” di Via Campopiano. L’elaborato tecnico-progettuale fu approvato, con deliberazione della Giunta Comunale del 24.07.2018, nell’importo complessivo di  € 1.475.000,00. Inoltre, di alcune opere già finanziate negli anni di Amministrazione Panza, i lavori oggi sono fermi: vedi l’Asilo nido in Via Napoli, il prolungamento di Via Parallela, la sistemazione frana in zona Convento. Si sta forse aspettando il decreto di revoca anche per questi ultimi finanziamenti? Speriamo proprio di no”!

La denuncia del gruppo di opposizione è l’assoluta mancanza di prospettive e idee progettuali nuove: l’attuale Amministrazione si basa esclusivamente sul quotidiano.

“Evidentemente – conclude il gruppo Guardia sei tu – hanno dimenticato le parole gridate sul palco in campagna elettorale, addirittura utilizzando il dialetto, forse per enfatizzarne l’importanza: ‘Che ci vuole? Che ci vuole a pulire strade, cunette, il laghetto? Oggi – ahinoi! – il degrado del nostro Comune è sotto gli occhi di tutti”!

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]