Greta dei miracoli ambientali a Milano è venuta con le ali

Condividi
Anna Tortora

Tre ragazzine adolescenti, prive di ogni titolo, parlano di ambiente senza sapere cosa sia, sponsorizzate e pagate da non si sa chi, vengono ricevute dal premier di una nazione per dettare l’agenda del Paese. Oltre il ridicolo.
Adolescenti urlanti manifestano per salvare il pianeta usando cartelloni come se non ci fossero piante per produrre carta.
Sì, cari miei ragazzi, ogni cartellone che usate è fatto di carta e per produrli bisogna usare…sapete cosa? Alberi.
Manifestate cantando Bella ciao. Mi viene da chiedervi cosa c’entri questa canzone con l’ambiente.
Niente. Non c’entra niente, ma voi lo ignorate. Cantate Bella ciao perché, probabilmente, così vi hanno detto.
E tu, Greta, come sei venuta qui da noi? Hai le ali?
Ero alle scuole elementari (non ieri) e la mia maestra ci spiegava cosa fosse l’inquinamento e come comportarci per non rovinare il creato.
E i bambini della mia generazione non si spostavano tutti in auto per pochi chilometri.
E da ragazzi non abbiamo preteso quello che pretendete voi oggi, distruggendo il pianeta.
Vi guardo e quasi sorrido, di certo non vi rispetto, perché non accetto lezioni da chi ne sa nulla.
Protestate per il clima e parlate di transizione ecologica, ma vi vorrei vedere senza aria condizionata durante il caldissimo agosto.

NARDONE

Un tempo i giovani lottavano per la libertà!
“Comunque, vi volevo dire che per quanto riguarda il clima, la cosa più vera e intelligente – non essendo ancora l’uomo diventato Dio – è proprio il bla bla bla.”
Giancristiano Desiderio, giornalista e scrittore

loading...

Anna Tortora

Nata a Nola. Si è laureata alla Pontificia facoltà teologica dell'Italia meridionale. Le sue passioni sono la politica, la buona tavola, il mare e la moda. Ha militato per diversi anni in Azione Giovani e poi in Alleanza Nazionale. Accanita lettrice, fervente cattolica e tifosa del Milan.