Governo Draghi e immigrazione

Condividi
anna tortora
Anna Tortora

La crisi migratoria va affrontata in maniera seria e scrupolosa. Al centro, va ribadito, c’è sempre la persona, l’essere umano.
“Il Governo prevede di aumentare a 80mila le quote di ingresso di lavoratori immigrati. È una buona decisione. L’Italia ha bisogno non solo di aumentare le nascite, ma anche di una immigrazione regolare. Servirà anche a combattere gli scafisti e le morti in mare.”
Carlo Cottarelli

“L’immigrazione è un fenomeno complesso a cui non si può rispondere con il populismo.
I confini sud dell’Ue non sono confini italiani ma europei; le parole chiave siano redistribuzione e cooperazione: sosteniamo l’Africa per sancire, citando Ratzinger, ‘il diritto a non emigrare’.”
Gabriella Giammanco, Forza Italia

“Draghi: «se si fa bene la migrazione questi migranti diventano delle risorse». È una bugia politica che nasconde le tremende responsabilità della UE, le forme di schiavitù per questi nuovi dannati della terra e l’ipocrisia di chi non vive nelle condizioni di difficoltà economica di larga parte del popolo italiano.”
Marco Rizzo, PC

“Non mi stupisce la dichiarazione di Draghi sul fatto che il governo non sia in grado di gestire l’immigrazione clandestina, mi stupisce che nonostante ciò continui a mantenere Lamorgese al Ministero.”
Giorgia Meloni, Fdl

Non è facile…
“Noi non siamo in grado di accogliere e questo scatena una guerra tra poveri. La politica ha abbandonato tutta questa gente”
Pietro Senaldi, giornalista e condirettore di Libero

Vediamo cosa diceva Carlo Calenda nell’Agosto del 2020
“Se tratteremo l’immigrazione sempre come un’emergenza, rimarrà un’emergenza. Tra l’ipocrisia della sinistra e gli slogan della destra nessuno gestisce questo fenomeno complesso e tutto diventa un derby ideologico.”
“Io non so perché l’Italia accetti una massiva immigrazione clandestina dall Africa e dall’ Est europeo nonché una immigrazione legale dal Bangladesh dal Pakistan, attraverso le proprie ambasciate. So, però, che non e più accettabile che le tv ci prendano in giro con la favola che salviamo donne e fanciulli che fuggono dai lager in cui sono torturati. Io credo che questi clandestini paghino per essere imbarcati su imbarcazioni in nord Africa e subito raccolti da navi di Ong che li portano in Sicilia. Dove vanno questi sconosciuti dopo lo sbarco? Di cosa vivono e dove?  Chi guadagna da questo traffico organizzato? Perché gli scafisti non vengono presi e puniti? Quando finirà la turlupinatura degli italiani da parte di questi interessi? Povera Italia senza amor di patria e rispetto di se stessa!”
Girolamo Sirchia, ex ministro della sanità

Vediamo, ora, cosa diceva la senatrice Annamaria Bernini, Forza Italia, il 3 Dicembre 2020
“Sull‘iimmigrazione l’Europa ha molte colpe, ma ora ci chiede – a ragione – un maggiore controllo dei confini, perché il Mediterraneo è anche Il confine comunitario, e sui barconi degli scafisti viaggiano non solo migranti irregolari, ma anche il Covid e i terroristi.
Il Governo italiano invece, mentre aiuta Macron a blindare la frontiera francese, riapre indiscriminatamente i porti, vara sanatorie-calamita e cancella i decreti sicurezza.
A colpi di misure ideologiche, le sinistre al governo ci stanno isolando dal resto d’Europa!”
In un anno è cambiato poco o nulla. Lo dicono i fatti.

Anna Tortora

Nata a Nola. Si è laureata alla Pontificia facoltà teologica dell'Italia meridionale. Le sue passioni sono la politica, la buona tavola, il mare e la moda. Ha militato per diversi anni in Azione Giovani e poi in Alleanza Nazionale. Accanita lettrice, fervente cattolica e tifosa del Milan.