‘Good times for a change’: è ai Quartieri Spagnoli la settima edizione del TEDxNapoli, l’appuntamento con le ‘idee che meritano di essere diffuse’

Condividi

‘Good times for a change’, suonava così un verso di Please, please, please, let me get what I want degli Smiths, rock band degli eighties: un buon momento per cambiare. E quale miglior momento di questo, ai margini di una pandemia, nel mezzo della tragedia di una guerra? Il prossimo mercoledì, 29 giugno, Alessandra Calise Martuscelli, Paolo Giulierini, Stella Lauro, Clementina Sasso, Sabrina Efionayi, Valentina Perniciaro, Elisa Strickland, Andrea Paolucci e i Coffee Brecht proveranno a raccontare il loro cambiamento con storie di arte, cultura, di diritti e integrazione, di futuro, di innovazione, teatro e ambiente, raccogliendo una sfida: quella di portare il TEDxNapoli al FOQUS, nei Quartieri Spagnoli, dove forte è il disagio ma forse ancor più forte la voglia di riscatto. L’evento segue la formula del TED, format americano che ha visto protagonisti personaggi come Bill Gates, Isabel Allende e Greta Thunberg, e che vanta sei miliardi e mezzo di visualizzazioni sul web.

L’Ipogeo dei Cristallini aprirà il prossimo 1° luglio. Sarà un giorno importante per Napoli. L’offerta turistico-culturale della città si ritroverà enormemente arricchita.  Sarà visitabile, infatti, quello che è stato definito il più importante sito funerario dell’epoca ellenistica in Europa. Da via dei Cristallini, nel Rione Sanità, scendendo qualche scalino si compirà un vero e proprio viaggio nel tempo. Ci si ritroverà tra le vie dell’antica Neapolis, la città greca, nella necropoli napoletana risalente al IV secolo a. C., un tempo illuminata dal sole in aperta campagna, oggi sepolta sotto le case della nuova città. Ma chi c’è dietro questo grande evento?

Alessandra Calise Martuscelli è cresciuta nella bellezza, tra Sant’Angelo d’Ischia e Seefeld  in Tirol, il paesino dell’Austria dove la nonna Linda trascorreva le sue vacanze. Laureata in Scienze Turistiche, consolida il suo profilo di manager specialista di sviluppo e organizzazione aziendale, in particolare nel settore turistico, con la gestione del complesso turistico fondato dalla nonna a Ischia. La vita poi la porta a lavorare lontano dalla sua terra, per lunghi periodi a Torino e a Milano. Ma nel cassetto c’è costantemente un sogno: tornare a Napoli e aprire al pubblico l’Ipogeo dei Cristallini, da sempre chiuso, ereditato dal marito Giampiero Martuscelli dalla famiglia del barone Giovanni Di Donato. Coglie così l’occasione di un bando della Regione Campania che finanzia progetti culturali. Il suo si piazza terzo tra migliaia di richieste. Il sogno prende vita. E cambia la sua, di vita. Una vita che cambia verso, cambia direzione: non più da sud a nord, ma da nord a sud. E cambia anche quella del Rione Sanità: la famiglia Martuscelli realizza da subito che l’Ipogeo era stato nei secoli protetto da tutta la sua gente e proprio a quella gente andava ridonato, con il coinvolgimento della comunità anche sotto il profilo occupazionale.

Alessandra Calise Martuscelli sarà speaker della settima edizione  del TEDxNapoli – in programma mercoledì 29 giugno, dalle ore 19, al FOQUS ai Quartieri Spagnoli – il cui tema è ‘Good times for a change’, il momento giusto per cambiare.

Un cambio di visione nella gestione dei beni culturali

Molti dei reperti rinvenuti nell’Ipogeo sono attualmente custoditi al MANN, il Museo Archeologico Nazionale di Napoli. Quel MANN diretto, dall’ottobre 2015, e fino al prossimo anno, da Paolo Giulierini, anch’egli speaker al TEDxNapoli. Al netto della pandemia, dal 2016 al 2019 Giulierini ha portato i visitatori da 380mila a 670mila, con un aumento complessivo del 75%. E poi mostre, collaborazioni, join venture con i più grandi musei del mondo. Nel 2017, Art Tribune ha riconosciuto il MANN come miglior museo d’Italia per l’innovazione; nel 2018, sempre Art Tribune ha insignito Giulierini come miglior direttore d’Italia. “Eppure, tutto questo non sarebbe stato possibile – afferma il Direttore – se non avessimo inteso questa funzione con un approccio manageriale, con l’impiego di ben 30 milioni di investimenti per la rigenerazione urbana del MANN nel quartiere, utilizzati per il recupero del Palazzo, l’aggiunta di un’ala nuova con auditorium, di un ristorante, una sala didattica e una tecnologica, il centro di restauro, la riapertura di tre giardini al pubblico, un bar e la riapertura totale di tutte le collezioni con un’estensione superiore a quella del museo alla metà del Novecento. All’orizzonte, inoltre, si profila una nuova stagione di investimenti, con una capacità di spesa di altri 12 milioni di euro e di molte altre risorse che deriveranno dai fondi PNRR e PN per cementare il legame del museo al quartiere e alla città”.

Good times for a change

Anche nel caso del MANN si è davanti a un cambiamento. Il team partenopeo – con Valeria Scialò nel ruolo di organizer, Francesca Nicolais e Giusi Ciaccio nel ruolo di co-organizer, Vittoria Salabelle in quello di designer, Rossella Ciardiello e Maria Cecilia Bruzzone rispettivamente coordinatrici della logistica e dei volontari – ha voluto puntare, per questa settima edizione del TEDxNapoli, proprio sull’opportunità di mutare l’approccio sul mondo. Good Times For a Change – un verso di ‘Please, Please, Please, Let Me Get What I Want’ degli Smiths, rock band alternativa britannica attiva negli eighties – è un invito al movimento, alla riscoperta, alla rilettura delle cose e, perché no, a ritrovare la meraviglia. “È una riflessione sul tempo – affermano le componenti del team tutto al femminile – sui tempi, sul tempo senza tempo. È costruire la visione di un futuro già presente. Un altro tempo, un’altra storia, ma ancora e sempre il momento giusto per una rivoluzione”.

Le porte di FOQUS apriranno alle 19 per la registrazione dei partecipanti. Prima dell’inizio dei talk dei nove speakers previsti, il pubblico potrà partecipare alle attività organizzate dai partner (Riot Studio, Del Monte, Decathlon, The Loops, Leonardo, Yokohama Sekai, We hub, YUC, Flavia Alvi, Kaleidostone, Materias, Helios e i ragazzi del Liceo Classico Publio Virgilio Marone di Meta di Sorrento che proporranno un’esperienza immersiva nella realtà virtuale realizzata con il regista Guido Acampa) sorseggiando un aperitivo.

Il format dell’evento – organizzato dal team del Riot Studio con il patrocinio del Comune e della Città Metropolitana di Napoli – è il seguente: gli speakers avranno dai 3 ai 18 minuti per esporre le loro ‘ideas worth spreading’, idee che meritano di essere diffuse. I talk, registrati e realizzati in post produzione, saranno poi caricati sul canale youtube TEDx, che conta più di 35 milioni di iscritti ed ha superato la cifra impressionante di 6,5 miliardi di visualizzazioni, e saranno tradotti e sottotitolati progressivamente in tante più lingue quante maggiori saranno le visualizzazioni sul web.

Fishing for litter

Ma è il tempo di considerare che la lotta al cambiamento climatico si possa combattere non necessariamente con grandi interventi, ma anche con progetti di sostenibilità che ottimizzino processi già attivi quali la pesca? Stella Lauro è una grande appassionata di surf, ma non sempre le onde che ha cavalcato in tutto il mondo erano composte solo di acqua di mare. Spesso sotto la sua tavola si è ritrovata anche tanti rifiuti. Così come, in mare, ha visto tanti pescatori che estraevano, insieme con o – addirittura – al posto del pesce, ingenti quantità di rifiuti, con grandi difficoltà di smaltimento. Allora perché non pensare a un’attività che consentisse ai pescatori di mettere a reddito anche quel ‘pescato’ attraverso l’avvio di procedure di riciclo produttivo? Nasce così il programma Fishing for Litter, pescare i rifiuti, che è alla base della startup italiana Ogyre che si occupa di progetti per recuperare i rifiuti dall’Oceano di cui oggi Stella, che nel frattempo ha studiato Economia e Politiche dell’Ambiente, è Sustainability Manager . E così i costumi con cui stenderci al sole sono fatti di materiale recuperato dal mare stesso.

L’influenza del Sole sulle nostre vite

Stenderci al sole, certo. Ma quanto può il Sole influenzare la vita sulla Terra e nello Spazio, attraverso la sua attività magnetica? Tanto, e lo spiegherà Clementina Sasso, astrofisica all’INAF – Osservatorio Astronomico di Capodimonte e parte del team della missione ESA/NASA Solar Orbiter che ha raggiunto il punto più vicino al Sole mai raggiunto con telescopi. Basti pensare alle tempeste solari, che possono provocare gravi danni ai satelliti di telecomunicazione, di posizione (GPS), scientifici e anche alle centrali elettriche sul suolo.

Il suolo fonte di diritti?

Ma il suolo può essere anche fonte di diritti, come ad esempio quello di essere cittadino del Paese in cui si è nati? Sabrina Efionayi è nata a Castel Volturno 22 anni fa da madre nigeriana. Vive la sua infanzia e parte delladolescenza tra Secondigliano e il paese domitio, dopo essere stata affidata sulla ‘fiducia’ dalla madre naturale ai vicini di casa, senza un regolare affido giuridicamente valido, per regalarle un futuro più roseo. Nel corso degli anni, Sabrina scopre di avere il talento della scrittura e a 16 anni inizia la pubblicazione di tre romanzi per la Rizzoli. Poi si allontana dalla tastiera: si riavvicina alle sue origini, alle storie e ai diritti degli immigrati di seconda e terza generazione. Un percorso difficile che ha richiesto un taglio netto col passato e con la mamma naturale, Gladys. Nasce così un libro, Addio, a domani” (2022), edito da Einaudi, e un podcast che si intitola “Storia del mio nome”, prodotto da Spotify e Chora, in cui si affrontano dal di dentro temi quali lo ‘ius soli’ e lo ‘ius scholae’.

Sanità, scienza, giovani, politica e teatro: è sempre un buon momento per cambiare

Dai figli degli immigrati ai figli troppo piccoli per tornare a casa dopo il parto. Valentina Perniciaro, 40 anni, diventa caregiver con l’arresto cardiaco del suo secondo figlio, Sirio, a soli 50 giorni di vita. Non era ancora pronto per tornare a casa, eppure i medici lo hanno lasciato andar via. Gli stessi medici che avrebbero inteso, dopo l’accaduto, relegare il bimbo a uno stadio vegetativo. Valentina non ci sta, e inizia la sua lotta, un percorso duro di cure, di attenzione, di amore per ‘cambiare’ il destino del figlio che oggi, come dice la stessa madre, “è felice a modo suo”. Dal 2018 è impegnata a raccontare la disabilità, la quotidianità dei caregiver e delle famiglie in assistenza domiciliare attraverso i canali social dei @tetrabondi: una narrazione ironica e cruda che abbatte gli stereotipi, raccontando bisogni e desiderio di felicità.

Elisa Strickland è stata docente ordinaria di Matematica all’Università Tor Vergata di Roma, oggi è docente onorario. Racconterà la storia di Maryam Mirzakhani, iraniana, la prima donna e finora l’unica ad aver ricevuto la Medaglia Fields, il premio più ambito in matematica. “È impossibile per chiunque fosse stato presente a Seoul – afferma la Strickland, che nella città coreana c’era, quel giorno dell’agosto 2014 – al Congresso Internazionale dei Matematici, dimenticare il momento in cui il nome di Maryam Mirzakhani venne fatto assieme agli altri tre Fields Medalists: le lacrime salirono agli occhi di tutte le donne matematiche presenti, finalmente una donna vinceva il premio dal 1897”. Oggi è referente del Celebrating Women in Mathematics, che ricorda con l’iniziativa May 12 (la data di nascita della Mirzakhani, prematuramente scomparsa nel 2017 a 40 anni) le matematiche di tutti i continenti.

Ma può cambiare anche il rapporto tra la politica e i giovani, che devono imparare a essere ‘decisori’ nei processi democratici partecipativi. È questo il senso dell’attività di Andrea Paolucci, direttore artistico del Teatro dell’Argine di Bologna, ‘Il giovane Parlamento’ di ‘Politico Poetico’: un progetto lungo due anni che ha coinvolto più di 500 adolescenti bolognesi in azioni tra teatro, cittadinanza attiva e advocacy. Le ragazze e i ragazzi di Politico Poetico hanno realizzato più di 400 monologhi, poi diventati video-monologhi, con obiettivi e richieste precise per costruire un futuro più equo, inclusivo e giusto per la propria città.

Il TEDxNapoli costituirà anche l’occasione per assistere alle performance degli attori di Coffee Brecht, l’associazione che dal 2011 promuove in Campania l’Improvvisazione Teatrale.

La location

FOQUS (Fondazione Quartieri Spagnoli Onlus) è un progetto di Rigenerazione Urbana nei Quartieri Spagnoli di Napoli, incentrato sull’ex Istituto Montecalvario – un complesso di 10.000 mq circa situato in via Portacarrese a Montecalvario, 69 – parte del quale fu fondato, con la vicina chiesa di Santa Maria di Montecalvario, nel 1560 dalla gentildonna napoletana Maria Ilaria D’Apuzzo. Costellata da alterne vicende dal XVI secolo e fino al 2012, l’Istituto Montecalvario ha svolto ininterrottamente – ma via via con maggiore difficoltà – attività educative e di assistenza ai bambini e ai ragazzi dei Quartieri Spagnoli. La Congregazione delle Figlie della Carità di San Vincenzo de’ Paoli e Santa Luisa di Marillac nel 2012 ha deciso di sospendere l’attività educativa dell’Istituto e ha proposto all’Impresa Sociale ‘Dalla parte dei Bambini’ di rilevarne l’attività. ‘Dalla parte dei Bambini’, dopo aver impegnato il 2013 in un intenso lavoro preparatorio, nel 2014 ha costituito la Fondazione Quartieri Spagnoli onlus FOQUS, cui ha affidato la realizzazione di un progetto di responsabilità sociale, inedito per l’Italia, per ridisegnare il ruolo e le funzioni dell’Istituto, per lo sviluppo dei Quartieri Spagnoli. L’obiettivo primario è il riscatto dei Quartieri, caratterizzati da carenza di servizi alla persona, precoce abbandono scolastico e condizioni socio – culturali border line, attraverso il contrasto all’emarginazione e lo sviluppo socio-economico di questa parte di città, la creazione di nuova impresa e nuova occupazione, sia diretta, sia attraverso spin-off, incubatori di impresa, programmi di apprendistato e tirocinio, insediamento di nuove imprese e iniziative pubbliche e private.

Che cos’è TED

TED (Technology, Entertainment, Design) nasce circa 35 anni fa in California per dare un palco a chiunque avesse un’idea interessante da condividere, un’idea potenzialmente in grado di cambiare il mondo. Da allora l’organizzazione è votata a dare voce alle ‘idee che meritano di essere diffuse’.

Nell’arco della sua storia TED ha ospitato personaggi del calibro di Bill Gates, Al Gore, Stephen Hawking, Philippe Starck, Gordon Brown, Daniel Kahneman, Isabel Allende.

Con l’intento di ispirare sempre più persone TED ha lanciato, altresì, un programma di eventi locali organizzati in modo indipendente denominati TEDx. Il TEDx si è diffuso in più di 180 Paesi con oltre 3.000 eventi l’anno. Uno di questi ha lanciato, recentemente, Greta Thunberg. Il canale YouTube ha raggiunto i 35 milioni di iscritti e 6 miliardi e mezzo di visualizzazioni.

DOVE: FOQUS (Fondazione Quartieri Spagnoli), via Portacarrese a Montecalvario, 69 – Napoli

QUANDO: Mercoledì 29 giugno 2022, dalle ore 19

Info:

Sito: www.tedxnapoli.com

Facebook: www.facebook.com/TEDxNapoli

Twitter: https://twitter.com/TEDxNapoli

Instagram: https://instagram.com/tedxnapoli/

Riotstudio: www.riotstudio.it

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]