Giustizia, le intercettazioni servono a chi?

Condividi
Anna Tortora
Anna Tortora

Con l’arresto del boss Messina Denaro emerge con più forza il tema delle intercettazioni. Servono o non servono? Quali sono i limiti?
“Le intercettazioni sono indispensabili per mafia, terrorismo e reati gravi, ma, dopo anni di ‘Far West’ mediatico-giudiziario, è arrivato il momento di mettere un limite all’uso sfrenato ed evitare gli abusi. Tante, troppe, le persone innocenti che sono state condannate alla gogna mediatica ingiustamente per comportamenti penalmente irrilevanti.
Sosterremo sempre il lavoro della magistratura nella persecuzione dei reati e, nel contempo, crediamo sia giusto evitare che la privacy delle persone venga violata senza valida motivazione e che la loro immagine possa essere danneggiata e compromessa, anche gravemente, dalla pubblicazione di stralci di intercettazioni che riguardano la vita privata e che nulla hanno a che fare con il codice penale.
Maurizio Lupi, Noi con l’Italia

Vale a dire…
“Il Procuratore di Palermo, al tg1, ovviamente si spertica in una perorazione delle intercettazioni che, a suo ovvio dire, non si devono toccare. A sentire lui senza le intercettazioni non si batte chiodo. Che poi è una verità che non va certo a vanto di chi dovrebbe, appunto, investigare e non limitarsi a origliare…”
Luigi Bobbio, magistrato e già senatore della Repubblica

Il ministro Carlo Nordio  “Altro sono le intercettazioni che coinvolgono le persone non indagate, le quali, attraverso un meccanismo di divulgazione pilotata, offendono cittadini che non sono minimamente coinvolti nelle indagine. Come diceva Dante, spero di essere stato chiaro una volta per tutte.”

“L’intervento di Nordio è interamente condivisibile e rappresenta la linea che Azione e Italia Viva hanno sempre seguito. Su questi punti una collaborazione del Terzo Polo con l’esecutivo, sulla giustizia penale, è attuabile.”
Carlo Calenda, Azione

Inoltre ‘Una cosa sono le intercettazioni per trovare informazioni, prevenire o catturare; altra quelle per imbastire processi senza altri elementi e diffuse ai giornali. Fingere siano la stessa cosa è stolto assai.” Davide Giacalone, scrittore
E ancora Luigi Bobbio, che non le ha mai mandate a dire “Nordio (con la Meloni) sta cedendo la riforma, in senso ablativo, delle intercettazioni in cambio di trenta…Denaro!”

Anna Tortora

Nata a Nola. Si è laureata alla Pontificia facoltà teologica dell'Italia meridionale. Le sue passioni sono la politica, la buona tavola, il mare e la moda. Ha militato per diversi anni in Azione Giovani e poi in Alleanza Nazionale. Accanita lettrice, fervente cattolica e tifosa del Milan.