Giulia Quaranta Provenzano si distingue per la provincia di Imperia al Premio internazionale di poesia “Ossi di seppia”

Condividi

Giulia Quaranta Provenzano ha vinto il premio come miglior poetessa della provincia di Imperia al Premio internazionale “Ossi di seppia

Imperiese, classe 1989, Giulia Quaranta Provenzano ha vinto il premio come Miglior Autrice della provincia di Imperia, sezione insieme di poesie al Premio Internazionale “Ossi di Seppia. La premiazione è prevista per il giorno 12 febbraio 2022, alle ore 17:30, presso la storica Villa Boselli di Arma di Taggia.

A seguire una delle poesie della trentaduenne che più hanno impressionato la Giuria e cioè <<L’animo mio>>: “L’animo mio hai sconvolto tutto/ laddove negli istinti zittiti,// almeno un poco,//ninnavo il sapermi/ altra dal vero e sedata così/ era la rabbia feroce/ mentre invece ora no, furibonda/ ed inquieta scongiuro la morte/ ché scossa tellurica meno male m’avrebbe/ procurato di te// Incendiato è ogni senso, stille di pianto prima taciuto/ s’infiammano, disperazione e desio che odia se stesso// Oh, folle è adesso il desio! Divampa/ e distrugge ogni ragione, le membra scuote e,/ nel tremore di giovane donna che l’età maledice,/ Sì, eppur sempre Vorrei solo Te”.

Giulia Quaranta Provenzano
Giulia Quaranta Provenzano

Molto apprezzata anche la lirica della giovane ligure intitolata <<Oltre la carne, ceruleo>>: “La bocca a cuore/ laddove lo sguardo mio urla nel/ silenzio/ di occhi profondi d’un tempo italo/ Amleto// Questa beltà smeraldo non conosce/ ancora, giammai, posa/ È fuoco che arde e consuma/ persino cenere./ Fauno appari,// O tigre sia, sei tu Amore,/ ad arrossare gote fanciulle che il/ purpureo conobbero già/ nel fremito dinanzi alle dorate/ pagliuzze/ cangianti.// Non mi serve alcunché, e più non/ voglio definire il sentire/ ché sei risorgiva fonte d’ogni mia/ arsura/ E desio d’inesausta onda contro gli/ scogli del tempo/ che non mi basta mai, assieme/ a te. Rompo ogni clessidra, per/ cristallizzare perpetui secondi// Di T’amo, non T’amo./ T’amo, non T’amo che è solo/ altalena dei folli,/ io invece conosco un unico ago,/ l’emozione/ sia persino estrema ed ultima/ agonia./ Vale la pena pel, per te”.

Ed infine ancora, tra i suoi altri, ha ottenuto largo plauso il componimento di Giulia Quaranta Provenzano dal titolo <<In un giorno qualunque (Come tutti gli altri)>>: “Intreccio fili di pensieri/ e mi chiedo SE … Se,/ cosa sarebbe cambiato SE/ fossi nata altrove// Nel tempo del miele,/ delle fronde argentate e gentili/ e non in quello dei rovi selvaggi// More e bacche di zucchero/ sarebbero forse i tuoi baci/ Oggi negati,/ Le tue timide carezze/ sul bianco collo sottile,/ d’alabastro/ E Ti Amerei/ ogni giorno nella mia vita/ Di più?!// Non so invece Che/ sapore ha la felicità/ Se sa di cannella o zafferano,/ Se è soffice come il pane appena sfornato/ Oppure caldo come quel caffè mai assaporato/ davvero.// Quel che solo so È/ Che T’Amo, e tanto/ più della vita: la mia vita/ Sei Tu!”.

 

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]