Giovanni Falcone, magistrato odiato anche dai “corvi con le toghe”. In ricordo di un grande uomo.

Condividi
anna tortora
Anna Tortora

23 Maggio1992. Nei pressi dello svincolo autostradale di Capaci, a poca distanza da Palermo, in un attentato mafioso muoiono il magistrato Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo, e i tre agenti di scorta, Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro.

Io ricordo quel giorno, ero una ragazzina liceale al letto con la febbre. Poi la notizia che mi diede il mio papà.
Cosa è cambiato?
“Adesso è facile celebrare Falcone.
Invece non era affatto facile essergli amici quando nel 1991 lo invitai a venire a Roma a lavorare con me al Ministero della Giustizia. Gli offrii l’incarico più importante perché ne avevo grande stima e sapevo che in Sicilia non poteva più lavorare. Molti colleghi, prima di destra poi di sinistra, si dedicavano a denigrarlo, chi per invidia chi per loschi traffici. I giornalisti più accecati dalla faziosità rincaravano e dilatavano i sospetti. Cosa Nostra con la complicità di poliziotti e agenti dei servizi gli organizzò un attentato in casa e colleghi e giornalisti insinuarono che se l’era preparato da solo per farsi pubblicità.
I corvi con le toghe gli rovesciarono addosso calunnie infamanti protetti dall’anonimato. Il CSM aveva respinto tutte le sue aspirazioni: ad assumere la guida dell’Ufficio Istruzione e poi della Procura di Palermo. La Suprema Corte di Cassazione aveva bocciato l’assunto fondamentale dei suoi processi e cioè che la mafia avesse una struttura unitaria e gerarchica, insomma una ‘cupola’ di comando. L’ANM lo aveva bocciato quando si candidò per il CSM. Il suo capo, Gianmanco, gli sottraeva le inchieste più importanti. L’allora – e tuttora – sindaco di Palermo giunse a denunciarlo al CSM perché ‘tiene nascosti nei cassetti della Procura i nomi dei mandanti politici dei più gravi delitti di mafia’. E il CSM lo sottopose a un interrogatorio umiliante.
Gli attacchi del fuoco amico non cessarono quando divenne Direttore degli Affari Penali, anzi, l’accanimento del PCI contro di lui si fece ancora più aspro, delegittimandolo come ‘un magistrato che ha perso la sua indipendenza vendendosi ai socialisti e a Martelli’. Ma a Roma almeno poteva lavorare protetto dalla stima del Presidente della Repubblica, del Ministro della Giustizia, e del Ministro degli Interni, Scotti e di tanti collaboratori ed estimatori.
Capì che facevo sul serio e che dal Ministero potevamo attuare il disegno che insieme avevamo concepito: trasformare in leggi la sua ineguagliata esperienza di contrasto alla mafia. Così varammo norme inedite di cooperazione tra tutti gli organi dello Stato – Governo, magistratura, Forze di polizia – dando vita a norme nuove e a nuovi e più efficaci strumenti di contrasto al crimine organizzato. A cominciare dalla Procura Nazionale Antimafia che doveva coordinare l’impegno delle varie procure distrettuali, supplire alle loro eventuali carenze, dirimere le loro dispute.
Quelli che allora lo denigravano oggi gli attribuiscono anche il merito della Super Procura. Un eccesso di lode se non frutto di ignoranza insincero e sospetto. Non fu Falcone a concepirla. Era una vecchia proposta del senatore Valiani che io ripresi dalle sue carte dimenticate, aggiornai e trasformai in legge. Falcone ne fu felice, ancor più sapendo che per quel compito nuovo volevo lui.
Ieri Luciano Violante non ha fatto autocritica per l’avversione di trenta anni fa, però l’ha ammessa attribuendola però “a tutta la sinistra”. Prima di tutto questa non sarebbe una scusante, in secondo luogo Violante dimostra ancora una volta di perdere il pelo ma non il vizio: se socialisti, radicali, repubblicani erano d’accordo su Falcone vuol dire che ad essere contraria non era tutta la sinistra, ma i comunisti (e nemmeno tutti basti pensare a Chiaromonte) e in particolare proprio Violante, maestro di ipocrisia e doppie verità”.
Claudio Martelli, ex ministro di grazia e giustizia. E, mi sia consentito, il migliore ad occupare quel dicastero.

IpocrisiaIpocrisia doppie verità e ancora…
“Non si può, nell’anniversario della strage di Capaci, invocare retoricamente la lotta alla mafia se non si spendono parole, dure, contro la finta antimafia. E bisogna farlo da pulpiti autorevoli. Perché se in questi anni abbiamo assistito, accanto a quella vera, a una antimafia farlocca, è perché ci sono stati silenzi e complicità anche tra uomini delle istituzioni”.
Vittorio Sgarbi

Anna Tortora

Nata a Nola. Si è laureata alla Pontificia facoltà teologica dell'Italia meridionale. Le sue passioni sono la politica, la buona tavola, il mare e la moda. Ha militato per diversi anni in Azione Giovani e poi in Alleanza Nazionale. Accanita lettrice, fervente cattolica e tifosa del Milan.