Giornata dell’Albero all’I.C. Cangemi di Boscoreale: Terzigno Verde e La Fenice Vulcanica allestiscono orto scolastico

Condividi

Centinaia gli alunni dei plessi Cangemi e Salome coinvolti nell’iniziativa: i volontari delle associazioni, i nonni e gli alunni hanno seminato verdure e ortaggi e messo a dimora alcuni alberi, riqualificando gli spazi verdi dell’istituto.

 
Giornata dell’Albero partecipatissima all’I.C. Cangemi di Boscoreale, dove le volontarie e i volontari del movimento civico ambientalista Terzigno Verde e dell’associazione La Fenice Vulcanica si sono prodigati, insieme ai nonni di alcuni alunni, nell’allestimento di un orto scolastico.
Centinaia i bambini ai quali è stata data la possibilità di seminare nell’orticello, allestito in uno degli spazi verdi del suddetto istituto, e di assistere alla messa a dimora di alcuni alberi tipici del Vesuvio.
giornata albero cangemi terzigno verde 3Una mattinata soleggiata e allegra scandita da canti, balli e svariate attività all’aperto che di sicuro lascerà un segno nei partecipanti all’iniziativa.
Le coltivatrici dirette di Terzigno, socie di Terzigno Verde, hanno messo a disposizione tutto il proprio sapere e la propria esperienza nell’allestimento di un orticello che dovrà essere curato dagli alunni: un esempio concreto di valorizzazione delle risorse umane del territorio che ha conferito alla giornata non solo un connotato simbolico.
Le associazioni organizzatrici ringraziano la preside dell’I.C. Cangemi, Dott.ssa Carmela Mascolo, per la sensibilità e disponibilità dimostrata nell’organizzazione dell’evento, la Prof.ssa Lina Sirletti, tutto il corpo docenti e i nonni che hanno partecipato.
Si avvia alla conclusione un mese di Novembre particolarmente ricco di attività per La Fenice Vulcanica e Terzigno Verde, due realtà che da tempo collaborano insieme, condividendo un comune percorso di impegno civico.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]