“Giochi del Mediterraneo”, quattro ragazze italiane sul podio più alto

Condividi

Ecco le italiane che ieri ai “Giochi del Mediterraneo” hanno vinto la staffetta 4×400 salendo sul podio più alto. Libania Grenot, Maria Benedicta Chigbolu, Ayomide Folorunso, Raphaela Lukudo sono quatto ragazze italianissime che nonostante colore della pelle e nomi e cognomi non ricorrenti, hanno rappresentato la nostra nazione a Terragona, facendo un ottimo tempo e guadagnando meritatamente una medaglia d’oro. Mentre a Pontida furoreggiava la festa leghista intrisa di cialtroneria, proclami esuberanti e soliti slogan da campagna elettorale infinita, le quattro ragazze pensavano alla loro nazione, ben integrate e a pieno titolo italiane a tutti gli effetti. Non le abbiamo scelte da un bel mazzo a disposizione, sono nostre connazionali perché abbiamo accolto le loro famiglie così come tante altre nazioni che annoverano tra gli sportivi grandi campioni che vantano i colori della loro patria attuale. Ditelo a Salvini anche se è ancora preso dalla voglia di buttare tutti a mare. 

Caro lettore, ilmonito.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

ILMONITO crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] - Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]