Gennaro Oliviero sulla nomina del Commissario straordinario Emergenza bufalina

Condividi

Il presidente del Consiglio regionale, Gennaro Oliviero, sulla nomina del Commissario straordinario per l’eradicazione delle malattie infettive della specie bovina e bufalina in Campania: “un refuso in un atto deliberativo della giunta regionale, un’espressione indubbiamente poco felice non può stravolgere il lavoro serrato di questi giorni tra Giunta e Consiglio e mettere in discussione l’attenzione che il governo regionale e il Presidente De Luca stanno adottando per produrre una inversione di rotta sul tema. Non credo che la Giunta regionale intendesse fare un generalizzato ed indiscriminato attacco verso un territorio e lavoratori che la mattina escono di casa per un lavoro che è fiore all’occhiello della economia campana e un prodotto di grande qualità ed eccellenza. La buona e vera novità è la decisione di nominare un Commissario che dovrà aprire e gestire una fase nuova, dopo gli esiti fallimentari dei piani di eradicazione degli ultimi anni. Questa novità, importante per attuare finalmente un’efficace e risolutiva eradicazione della Brucellosi e della TBC bufalina, non può e non deve essere oscurata da una frase inopportuna. Questa è l’ora di rimuovere tutte le difficoltà fin qui vissute. Piena solidarietà agli allevatori impegnati per difendere un settore vitale per l’economia del nostro territorio. Comprendo le parole del Sindaco di Casal di Principe Renato Natale impegnato nel lavoro di legalità che ha fatto e sta facendo per riscattare una comunità che è uscita dal tunnel dei negativi luoghi comuni. A lui e ai sindaci del territorio tutta la vicinanza e l’impegno ad andare oltre questo momento e tutte le contraddizioni. Lavoriamo ora tutti insieme per introdurre i necessari elementi di discontinuità con i Piani del passato, in un clima di ritrovata condivisione e partecipazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]