“Generazione SUD”, un nuovo movimento politico

Condividi

GENERAZIONE SUD è un progetto politico fondato sui valori ben specifici come  IL Lavoro, la Legalità, Turismo, Sicurezza, il Sud ma sopratutto la tutela delle delle Fasce Deboli. IL MOVIMENTO ha intenzione di costruire  ragionamenti con le cosiddette persone del FARE, senza distinzioni ideologiche o di posizionamenti  politici; Il Movimento vuole solo  affrontare i problemi con un’attenzione particolare al SUD. Generazione Sud porterà avanti le proprie proposte e sosterrà chi si impegnerà a mantenerle con dedizione e trasparenza. Per ripartire è necessario lanciare una sfida nuova, voltare pagina e liberare tutte le energie disponibili, talvolta sommerse, ed a volte soffocate solo da schemi politici che spesso non guardano gli interessi dei cittadini Il manifesto politico del movimento è dinamico ed in continuo aggiornamento. Nello stesso si possono individuare le idee e le proposte per affrontare le numerose criticità presenti nella vita dei cittadini. Un movimento democratico dove i temi vengono discussi ed analizzati e portati all’attenzione delle istituzioni preposte. Il documento è aperto ed in evoluzione, in cui i contributi dei cittadini durante gli incontri nei territori, i convegni, le giornate di confronto, e le proposte on line, potranno portarci ad arricchire la visione della società che vogliamo costruire e indicarci la linea politica da seguire. Serve cambiare il Sud, serve cambiare la classe politica non per selezione anagrafica, perché si rischia di perdere forze preziose, ma cambiarle per merito, per passione civica, per  competenza ma sopratutto per voglia di fare.

NARDONE

LAVORO, SICUREZZA,TURISMO, ECONOMIA,FASCE DEBOLI

Questi i tempi fondanti del Movimento

Qualsiasi cittadino può’ aderire liberamente consegnando allo stesso idee, proposte per il futuro.

Per contatti : [email protected]

loading...

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]