Galli e il terrorismo mediatico, ma in Italia arriva la pillola anticovid

Condividi
anna tortora
Anna Tortora

Il terrorismo mediatico cui sono sottoposti gli italiani da due anni è vergognoso. È una mancanza di rispetto verso chi sta affrontando il Covid e chi si è vaccinato.
Andiamo nei dettagli…
“Sempre più dati sulla variante omicron, che potrebbe non essere l’ultima.
Eccone alcuni provenienti dalla letteratura scientifica più aggiornata:
– più contagiosa anche perché si concentra maggiormente nella saliva e meno nel polmone. C’è un articolo appena pubblicato del mio amico sudafricano Adrian Brink che dimostra che il test migliore per trovare omicron è sulla saliva.
– meno aggressiva. Causa quadri clinici lievi. Raramente impegnativi
– causa più facilmente bronchiti, tracheiti e laringiti che non polmoniti
– vaccini e immunità naturale proteggono dai ricoveri e dalle forme gravi. Meglio 3 dosi che 2.
I vaccinati quindi possono stare tranquilli. Potrà’ colare il naso per 2-3 giorni, ma almeno non andranno in ospedale.
Omicron? No panico, stai calmo e vaccinati”
Matteo Bassetti

Ma il caro Galli continua imperterrito con il terrorismo mediatico. Secondo lui, Omicron è pericolosa e non è detto che non ci saranno altre varianti. Sadico? No, forse è il suo metodo di lotta al Covid, con buona pace dei tanti italiani vaccinati.
L’ Italia, ogni anno, ha avuto milioni di italiani a letto con l’influenza…come lo spiega Galli?
Bassetti è sicuro più realista e meno catastrofico.
Ancora una sua dichiarazione.
“Dopo gli USA, anche alcuni  paesi europei hanno ridotto la quarantena dei positivi asintomatici a 5 giorni. Dobbiamo farlo anche noi. E anche rapidamente. Con milioni di positivi asintomatici rischiamo  di chiudere in casa gente che non trasmette il virus a nessuno. Vediamo se ascoltano al Ministero…dubito”.

E anche Roberto Burioni ci tranquillizza.
“È impressionante che i vaccini contro il ceppo di 2 anni fa, evoluto attraverso > 290 milioni di casi, e ipermutato come Omicron, abbiano ancora un’efficacia di quasi il 90% contro la malattia grave dopo la terza dose.”

Arrivano nuove notizie
La variante omicron sarebbe più contagiosa ma meno grave. E da oggi la pillola anti covid Merck, approvata dall’Aifa, arriva anche in Italia. Così ha dichiarato il Professor Luca Richeldi, direttore dell’unità di pneumologia del Policlinico Gemelli di Roma.

Anna Tortora

Nata a Nola. Si è laureata alla Pontificia facoltà teologica dell'Italia meridionale. Le sue passioni sono la politica, la buona tavola, il mare e la moda. Ha militato per diversi anni in Azione Giovani e poi in Alleanza Nazionale. Accanita lettrice, fervente cattolica e tifosa del Milan.