Frana Ischia: “Basterebbe mettere in galera il sindaco e tutti quelli che lasciano fare”

Condividi

“Basterebbe mettere in galera il sindaco e tutti quelli che lasciano fare” eventuali abusi edilizi. Lo ha detto il ministro dell’Ambiente Gilberto Pichetto Fratin ai microfoni di Rtl102,5, secondo cui, inoltre, “il disastro” di Ischia “sarebbe stato evitato se non avessero costruito nell’alveo e se fossero state fatte le opere di messa in sicurezza. Ci sono stanziamenti per quell’area previsti da dieci anni e oggi risultano solo a livello progettuale”, ha ricordato.

”Non si fanno i bandi e le gare, i funzionari hanno paura di firmare”, ”abbiamo fondi stanziati da dieci anni ma non abbiamo le opere”. ”Gli errori locali si sommano a quelli globali. Questa combinazione provoca le tragedie che siamo costretti a vivere’, aveva detto stamane in una intervista al Corriere della Sera. ”Parlo di abusivismo, incuria del territorio, cattiva manutenzione delle infrastrutture e imperfetto utilizzo dei fondi per la tutela del territorio. E ora il clima sta cambiando, dunque deve cambiare l’approccio nel fare le opere”, sottolinea. Il piano di adattamento ai cambiamenti climatici, secondo il ministro, ”è uno strumento pianificatorio di indirizzo per la individuazione degli interventi regionali che in quanto tale è stato sottoposto a Valutazione ambientale strategica”.

Il recepimento del parere, spiega Pichetto, ”richiede significative integrazioni tecniche che le strutture del mio ministero con il supporto di Ispra, acquisiti i contributi delle Regioni, chiuderanno entro fine anno, glielo assicuro”. ”Quello che serve è fare le opere e noi a forza di piani, verifiche, confronti, monitoraggi e controlli abbiamo smesso di farle”, secondo Pichetto. Rispetto al dato secondo cui l’Italia spende 1 euro di prevenzione ogni 4 in emergenza ”lo capisce anche un bambino che bisogna quantomeno avviare un processo di inversione di quei dati. È l’impegno del nostro governo”, assicura il ministro.

”L’Italia ha tantissime competenze nel pubblico e nel privato e ci sono sicuramente enti in difficoltà ma -secondo Pichetto- bisogna anche mettere quelle figure nelle condizioni che se firmano un atto non vengono poi perseguiti. Spesso c’è un problema di inutili complicazioni nei processi: per questo il mio dicastero ha messo in atto un processo di semplificazione. I cittadini e le imprese non possono aspettare anni prima di ottenere una autorizzazione. Gli amministratori non devono temere di mettere una firma”. (Adnkronos)

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]