Forza Italia suona la carica “Pace fiscale in Campania per famiglie ed imprese”

Condividi

Dopo le parole del Presidente Berlusconi Forza Italia in Campania suona la carica. 

“L’idea della pace fiscale e’ una grande intuizione del presidente Silvio Berlusconi. E’ una idea utile al Paese, imprescindibile per la tenuta e la ripresa di Napoli e della Campania”. Cosi Fulvio Martusciello, europarlamentare e coordinatore regionale di Forza Italia.

“Il Paese – dice Martusciello – attraversa una fase delicata, l’inflazione ed i costi dell’energia mettono in crisi famiglie ed imprese. Lo Stato non può, in questo contesto, vessare i cittadini, essere nemico di chi lavora e produce. La pace fiscale non e’una resa ma una mano tesa agli imprenditori, alle famiglie”.

“Serve stoppare l’invio della cartelle esattoriali, bisogna mettere chi ha ricevuto controlli ed e in difficolta, nelle condizioni di ripartire. Senza questa impostazione la Campania rischia di pagare un prezzo altissimo” conclude.

Sulla stessa lunghezza d’onda è Stefano Caldoro, candidato al Senato.

“L’impegno per la Pace Fiscale è fondamentale per non vessare contribuenti, famiglie ed imprese già in difficoltà della crisi di questi ultimi anni”.

Franco Silvestro, vice regionale, rilancia. “La pace fiscale è la soluzione concreta per aiutare imprese e famiglie”. Dichiara lui che è candidato, con Forza Italia, al Senato nei collegi plurinominali Campania 01 e Campania 02.  

“Un freno – spiega, in questa congiuntura economica, alle azioni di controllo che possono diventare vessatorie è la strada da percorrere. Un’analisi, che andrà approfondita, racconta di circa 700mila azioni in corso, nella sola Campania, da parte degli organi di controllo. Azioni legittime che, se aggiunte al caro bollette, all’aumento dei costi della energia e delle materie prime e alla pressione fiscale, possono avere effetti devastanti”. 

La pace fiscale è la strada” conclude Silvestro.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]