Foibe, Beneduce (Fi): “Giovani allenino memoria”

Condividi

“L’eccidio delle Foibe, di cui oggi ricorre il 77esimo anniversario, rappresenta un evento tragico per il nostro Paese. Un massacro di massa. Circa 11mila cittadini italiani barbaramente assassinati per mano di partigiani e servizi segreti militari jugoslavi.

NARDONE

I nostri giovani, i nostri studenti, devono avvertire sempre di più l’esigenza di allenare la memoria”. Lo dichiara Flora Beneduce, consigliere regionale di Forza Italia e componente dell’Ufficio di Presidenza.

“Fenomeni di odio di questo tipo vanno approfonditi, esaminati storicamente e condannati. La tendenza negazionista che ha viziato per anni la commemorazione di una tragedia tanto atroce va eliminata alla radice. Non esistono morti di serie A e morti di serie B. Quello delle Foibe fu un eccidio dettato dall’odio e oggi va reso omaggio alle tante vittime ed espressa una ferma condanna a quell’odio che rappresentò il motore di un massacro tanto gratuito quanto doloroso”, conclude Beneduce.

Caro lettore, ilmonito.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

ILMONITO crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] - Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]