Focolaio covid carcere Secondigliano: Di Giacomo (S.PP), inaudito non procedere a tamponi per agenti. In sei carceri campani gia’ non meno di 700 positivi tra detenuti e personale

Condividi

“E’ semplicemente inaudito che nel carcere di Secondigliano, dove il focolaio Covid sta colpendo un centinaio di detenuti, si proceda ad una indispensabile e generalizzata campagna tamponi solo per i detenuti escludendo il personale penitenziario. Bisogna intervenire rapidamente facendo in modo di accertare la condizione di salute degli agenti e quindi se necessario porli in isolamento a casa”. Lo denuncia il segretario generale del Sindacato Penitenziari – S.PP. – Aldo Di Giacomo per il quale in 6 istituti penitenziari campani (Poggioreale, Secondigliano, Santa Maria Capua Vetere, Ariano Irpino, Salerno e Sant’Angelo dei Lombardi) ci sono non meno di 700 positivi tra detenuti e personale penitenziario. In circa un mese i contagi nelle carceri, sicuramente anche per effetto della nuova variante, hanno raggiunto l’incremento del 150%. Di Giacomo aggiunge: “senza disporre nemmeno di mascherine Fpp2 e di presidi adeguati a contenere la diffusione del virus, di questo passo la situazione del controllo degli istituti per il numero ridotto di agenti in servizio supererà l’emergenza attuale per diventare impossibile da garantire. Per non parlare della impossibilità di disporre negli istituti, come è stato denunciato di recente a Santa Maria Capua Vetere, di ambienti per l’isolamento dei detenuti positivi tenuti insieme ai “negativi”, oltre all’assoluta carenza di personale medico e specialistico.
A questo punto non è più sufficiente condividere la nostra preoccupazione ma bisogna procedere all’organizzazione immediata di Open Day di vaccinazioni nelle carceri proprio come accade fuori e all’obbligo del Green Pass e di mascherine Fpp2. Continuiamo a mettere in guardia i Ministri Cartabia e Speranza su ulteriori ritardi che si sommano a quelli già accumulati da mesi.
Si sta ripetendo lo stesso grave errore di sottovalutazione compiuto con l’avvio della prima fase di vaccinazione anti-Covid mentre la tensione è alle stelle”.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]