Finalmente in uscita per la “collana teatro” lo spettacolo teatrale firmato da Stefano Labbia: “Discarika”

Condividi

Una commedia agrodolce e brillante che trascina lo spettatore in un universo fatto di humour, sagacia, allegria ma anche riflessione sull’uomo moderno e sulla vita frenetica, convulsa e devota al consumismo. 

La discarica che Claudio e Giacomo “vivono per una notte”, per l’autore è, infatti, un problema culturale, una mancanza dell’anima, oltre che un problema ecologico. 

I due attori partenopei, da novelli Dante e Virgilio, ci introducono in un microcosmo fatto di sottigliezze, doppi sensi ed in cui la fervida immaginazione si mixa con la tragica realtà. 

Uno spettacolo da leggere e da immaginare o meglio da vedere, grazie all’abilità del Labbia di trascinare il lettore avvolgendolo con le sue parole e le sue corpose descrizioni: leggendo battuta dopo battuta, atto dopo atto, ci si ritrova piacevolmente immersi nell’ilarità e nell’assurdità di una vita vissuta rincorrendo questo o quel traguardo, tralasciando ciò che conta e vivendo con un solo diktat: compra, compra e compra! 

Discarika è questo e molto altro. 

Ora non vi resta che leggerlo… pardon viverlo!

  

SINOSSI  

Napoli. Due amici (entrambi attori di origine partenopea) che condividono casa, si ritrovano, a causa di una serie di fortuite coincidenze, nello spiazzo sottostante lo stabile dove abitano, trovando una discarica a cielo aperto con tanto di vecchio divano a due posti. Costretti a stazionare in quel luogo malsano, i due si lasciano andare a confidenze e personali visioni della vita, in un turbinio di emozioni, risate, eventi inattesi e vicini di casa che irrompono in scena, causando situazioni al limite dell’impossibile e divertenti battibecchi…

 

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]