EXPO 2020 DUBAI – ABU DHABI in mostra due opere del Maestro Ignazio Colagrossi in “Pace e Amore – official event d’arte contemporanea”

Condividi

Rinviato di un anno, causa Covid, il 1° Ottobre 2021 ha avuto inizio l’evento mondiale Expo 2020 Dubai – Abu Dhabi, che si protrarrà sino al 31 marzo 2022, ove le Nazioni partecipanti, esporranno principalmente innovazioni tecnologiche, ambientali e artistiche.

NARDONE

Per L’evento negli Emirati Arabi, la città di Dubai, ospita nei padiglioni appositamente realizzati, il settore  delle innovazioni ricerche e sviluppo, mentre, la città di Abu Dhabi, apre le porte del complesso culturale di, Manarat Al Saadiyat, “nell’Isola dei Musei, a poca distanza da i famosi musei del distretto, tra cui il Louvre Abu Dhabi, il Museo Nazionale Zayed e il Guggenheim” per accogliere l’esposizione di “Pace e Amore – official event d’arte contemporanea in Expo 2020”, nella quale, fra le numerose richieste pervenute, il Maestro Ignazio Colagrossi è fra i 72 artisti selezionati da Giammarco Puntelli commissario dell’evento, dalle istituzioni arabe e dai partner internazionali, avendo l’onore e l’onere, di rappresentare in terra araba, l’Italia e l’Arte italiana, partecipando con due sculture: “Universal Peace” e “Intimate Thought”, appositamente realizzate per Expo 2020.

Con, l’evento di livello planetario, dice Colagrossi: “emozione e responsabilità si fondono dentro di te, raccogliendoti, in uno stato di profonda riflessione, dove la tua Anima, è “padrona”, poiché quando la mia scultura nasce, la mente l’ha già realizzata da tempo. Tale pensiero, non  può rispondere alla logica della convenienza”.

 La responsabilità e allestimento della mostra sarà a cura del direttore artistico Paolo Calcari, già collaboratore del commissario, che darà adeguato spazio agli artisti partecipanti, nell’arco del mese a loro assegnato.

L’evento di “Pace e Amore – official event d’arte contemporanea in Expo 2020” sarà storicizzato con il Catalogo ufficiale da “Editoriale Giorgio Mondadori”, con due presentazioni il giorno 14 ottobre: alle ore 12:00, la presentazione ufficiale nella Grande Moschea di Roma, alla presenza di esponenti delle istituzioni arabe e italiane, Il commissario Giammarco Puntelli e il Dott. Carlo Motta responsabile editoriale della Giorgio Mondadori, con gli artisti partecipanti, e nel pomeriggio alle ore 17:00, per le istituzioni italiane, al Senato della Repubblica, con la sola presenza “per motivi di pandemia” del responsabile Editoriale Dott. Carlo Motta, il Commissario Giammarco Puntelli, e rappresentanti delle istituzioni Italiane.

 Il M. Colagrossi nato a Capranica Prenestina, (RM), vive ad Aprilia (LT), di formazione autodidatta, sin da piccolo ha espresso il suo stato d’animo esistenziale attraverso le Arti della Pittura Scrittura e Scultura, al di fuori degli studi accademici o regole pre-confezionate, ma dettate dal puro istinto. Nel 1995, la prima pubblicazione di Poesie “Dentro l’Anima” edita da il Calamaio, la seconda pubblicazione del 2002, di “Oltre l’Incantesimo Donna” volume di poesie dedicato all’”essere Donna” edita da Edizioni Kappa con la prefazione del Prof. Mario Morcellini, Direttore dipartimento di Sociologia della Sapienza di Roma. Ma è nell’Arte materica della scultura, che Colagrossi ha trovato la sua intima dimensione, e rifugio della sua anima. Nel 2018 l’Editoriale Giorgio Mondadori pubblica la sua monografia SENTIMENTO E MATERIA. Le sue opere sono pubblicate in vari cataloghi d’arte fra di essi: Editoriale Giorgio Mondadori, Editrice Velar, Il Quadrato, Ea Edizioni, l’Elite. Alcune di esse, sono in varie collezioni private, monumenti pubblici, e varie Chiese, tra cui, una copia della scultura di Giovanni Paolo II, è posta nella Sala Stampa della Santa Sede – Città del Vaticano, ed una copia dell’opera “Totò… ‘a Livella”, nella cappella di famiglia di Antonio de Curtis al Cimitero del Pianto di Napoli.

 

loading...

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]