Esercito: ondata di maltempo nella Regione Campania, intervengono i Guastatori della Brigata bersaglieri Garibaldi

Condividi

Grazie al tempestivo intervento dell’Esercito, protrattosi per tutta la notte, sono stati evitati ulteriori disagi alla popolazione di Napoli

 

NARDONE

Caserta, 28 settembre 2020. Nella giornata di domenica, su richiesta della Prefettura di Napoli, i Guastatori della Brigata bersaglieri Garibaldi, sono intervenuti nel capoluogo campano in supporto alle autorità civili per far fronte ai disagi che hanno colpito la popolazione in seguito alle forti precipitazioni che nel tardo pomeriggio si sono abbattute sull’intera regione e con particolare violenza sull’area della Città di Napoli.

Allertati con minimo preavviso, gli uomini e le donne che costituiscono gli assetti specializzati del genio, hanno contribuito al ripristino della viabilità compromessa in alcune aree principali della Città a seguito delle forti precipitazioni delle ultime ore, contribuendo altresì al decongestionamento del traffico su tutta la Via Marina, tratta che collega la zona di Ponticelli (Na) fino alla Galleria “Vittoria” che per sicurezza è stata chiusa dagli specialisti a seguito di infiltrazioni che hanno causato il cedimento di parte di una parete.

Il contributo, avvenuto in piena sinergia con il Comune di Napoli si è protratto incessantemente per tutta la notte fino alle prime ore del mattino, consentendo alla popolazione di non subire ulteriori disagi alla ripresa delle attività lavorative.

Il 21° Reggimento guastatori, come tutti i reparti genio dell’Esercito, si distingue per la piena duplicità d’impiego, ovvero pur concepito per scopi prettamente militari ha caratteristiche tali da poter essere vantaggiosamente impiegato in ogni situazione di emergenza, proprio come avvenuto, anche negli anni passati, nelle aree colpite da terremoti e maltempo.

loading...

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]