Esenzione per i malati cronici ed oncologici, Oliviero e Casillo: “sono malati che non devono scontrarsi con la burocrazia”.

Condividi

Approvata all’unanimità in Consiglio regionale la mozione per ripristinare l’esenzione delle cure per i malati cronici ed oncologici, Oliviero e Casillo: “sono malati che non devono scontrarsi con la burocrazia”.

Questo pomeriggio nella seduta del Consiglio regionale della Campania è stata presentata e votata all’unanimità una mozione a firma del Presidente del Consiglio regionale, Gennaro Oliviero, e del capogruppo del Pd, Mario Casillo, avente ad oggetto: “Ripristino tempestività cure ed esenzioni per malati cronici ed oncologici”. Nella mozione Oliviero e Casillo chiedono di: “predisporre con sollecitudine tutte le azioni necessarie a consentire la più regolare ed immediata assistenza alle cure e che gli ammalati cronici ed oncologici escano da ogni clima di incertezza dei tempi di prenotazione e soprattutto beneficino delle esenzioni”.

Non è pensabile che l’incapienza dei tetti di spesa fissati e il precoce esaurimento dei budget, vadano a colpire questi malati che già, quotidianamente, devono affrontare la sfida con la malattia – dichiarano congiuntamente Oliviero e Casillo – Un disagio che si aggiunge al disagio, provocando malesseri ulteriori, anziché facilitare ed agevolare  un percorso che, per la natura delle malattie, deve essere necessariamente  preferenziale. È doveroso che tutti i malati abbiano la certezza e la rapidità dell’assistenza. Accorciare le liste di attesa, rimodulando i tetti di spesa, servirà ad impedire che chi ha capacità economiche, pur gravandosi, possa curarsi, mentre, chi in difficoltà, debba rinunciare ad avere la possibilità di cure immediate, affidandosi ai lunghi tempi di attesa delle liste che spesso sono ulteriore pregiudizio per la salute”.

In tale direzione si attendono ora riscontri immediati.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]