Errori sisma Ischia, l’ex presidente Ingv Boschi:”era meglio dire: ‘scusate, abbiamo sbagliato’

Condividi

Il suolo si è abbassato fino a 4 cm

Napoli, 26 ago. – “È inammissibile sbagliare così la magnitudo, la direzione del sisma, l’epicentro, e soprattutto la profondità focale del sisma con un margine di errore così ampio. Da un ipocentro stimato a 10 km di profondità siamo passati a uno di 1,75. Inconcepibile, senza precedenti”. L’ex presidente dell’Ingv Enzo Boschi, intervistato dal Mattino non fa sconti alla nuova gestione dell’istituto. “Chi ha un minimo di competenza sulla sismicità di Ischia, sa bene che lì si sono verificati in passato terremoti poco profondi a breve distanza da Casamicciola. Evidentemente, chi quella notte nell’istituto si è occupato delle rilevazioni, non era in possesso di nozioni e competenza sufficiente. È solo una questione di stupidità e ignoranza”, dice Boschi. “Suppongo che si siano voluti tenere gli errori sottotraccia, onde evitare di dovere licenziare i responsabili del pasticcio. Ma era meglio dire: ‘scusate, abbiamo sbagliato’. La trasparenza è la maniera migliore per preservare la credibilità scientifica”. Il sismologo ricorda che “già il 15 giugno scorso avvenne un fatto incredibile, quando l’istituto associò la magnitudo 5.1 di un terremoto nelle Filippine al sisma di magnitudo 1.6 registrato a Pieve Torina, vicino Macerata. Probabilmente c’è qualcosa che non va nella nuova gestione”. Boschi evidenzia il danno fatto all’isola: “Se si fosse detto da subito che l’epicentro del terremoto era circoscritto a una piccola porzione di Casamicciola, proprio com’era intuibile soltanto guardando la tv, migliaia di turisti non avrebbero lasciato Ischia in preda al panico”, dichiara. Che qualcuno chieda i danni “è già accaduto in passato. Una class action contro chi ha diffuso dati errati, con conseguenti danni d’immagine al territorio interessato”.

NARDONE

Intanto, i ricercatori hanno misurato i movimenti permanenti del terreno grazie ai satelliti europei Sentinel-1 e italiani COSMO-SkyMed: è stato evidenziato un abbassamento del suolo con un valore massimo di circa 4 centimetri localizzato in un’area a ridosso di Casamicciola Terme.

Nell’emergenza post terremoto la Protezione Civile aveva attivato il Consiglio Nazionale delle Ricerche – Istituto per il Rilevamento Elettromagnetico dell’Ambiente (CNR-IREA) di Napoli, in qualità di centro di competenza nel settore dell’elaborazione dei dati radar satellitari, per un’analisi volta alla misura dei movimenti del suolo conseguenti al sisma.

Utilizzando i dati radar dei satelliti europei Sentinel-1, del programma europeo Copernicus, e quelli della costellazione italiana COSMO-SkyMed, dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) – centro di competenza per le acquisizioni ed utilizzo dei dati satellitari – e del Ministero della Difesa, un team di ricercatori del CNR-IREA ha misurato con alta precisione i movimenti permanenti del suolo originati durante il terremoto, utilizzando la tecnica dell’Interferometria SAR Differenziale.

Una tecnica che consente, confrontando immagini radar acquisite prima dell’evento con immagini successive al sisma, di rilevare deformazioni della superficie del suolo con accuratezza centimetrica.

loading...

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]