Elezioni regionali, la proposta di Storelli: “Realizziamo il Lungo Sarno, è un progetto possibile”

Condividi

“Grazie ai fondi messi a disposizione dal presidente De Luca per le fognature dei comuni del bacino del Sarno, le opere di disinquinamento e dragaggio del fiume più inquinato d’Europa sono ormai avviate e alcune vicine alla conclusione.  Dopo tutti questi sforzi, è ora necessario pensare a come sfruttare le opportunità del fiume Sarno e salvaguardare la linea di costa di Torre Annunziata e Castellammare di Stabia. Per i primi chilometri del fiume la mia intenzione è di avanzare una proposta per la realizzazione di un parco naturale attrezzato per sport, passeggiate, svago e divertimento nel rispetto della natura”. A dichiararlo è Rosalia Storelli, candidata alle elezioni regionali della Campania del 20 e 21 settembre nella lista Europa Verde, a sostegno di De Luca presidente.

NARDONE

Rosalia Storelli lancia, dunque, l’idea di un’area protetta che “avrà lo scopo di tutelare gli originali assetti naturalistici, prevenire situazioni di sversamento e degrado ambientale, garantire la qualità delle acque, valorizzare tutta l’area con attività di educazione ambientale. Questo progetto può rappresentare un valore aggiunto per le tante aziende prospicienti il fiume in termini di marketing. E poi, già vedo, ad esempio, i dipendenti delle aziende sostare al fresco del parco per la pausa pranzo”.

Accanto al Parco, l’apertura dell’#EcoMuseo, un luogo per custodire i tesori della tradizione fluviale, contadina e industriale della società del Sarno: “Questo permetterà di trasmettere alle future generazioni la storia di un fiume venerato dagli antichi greci e romani. A me piace sempre lavorare partendo dagli esempi: su questi temi guardo con molta attenzione il progetto Sentierelsa in Toscana e quello del Parco fluviale del Controne”, aggiunge.

loading...

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]