Elezioni Regionali 2020, Piscitelli (FdI): Non lasciamo soli gli operatori del 118, instancabili pilastri umani del soccorso sanitario per i quali bisogna prevedere una stabilizzazione straordinaria

Condividi

Durante la prima fase della pandemia – ha affermato il Consigliere Regionale Alfonso Piscitelli (Fratelli d’Italia) – li abbiamo visti mettere a rischio la propria vita per il bene delle comunità: a volte sono stati costretti anche ad operare senza i necessari dispositivi di sicurezza, rischiando il contagio.

NARDONE

Per la loro dedizione – ha continuato Piscitelli – sono stati lodati da tutti, ma la loro situazione lavorativa non è affatto tranquilla.

Per me – ha aggiunto il Consigliere Regionale di Fratelli d’Italia – che vengo proprio dal Servizio 118, è un colpo al cuore vedere che troppe volte, ad esempio, arrivano ambulanze senza medici a bordo sulle chiamate d’emergenza, esponendo così pazienti e operatori a rischi aggiuntivi nel soccorso e ad aggressioni, o che ritardano, loro malgrado, per carenza di mezzi, i tempi necessari per raggiungere il paziente.

Il personale a bordo – ha sottolineato Alfonso Piscitelli – molto spesso, è volontario, altamente qualificato ma senza contratto: i dipendenti delle ASL costituiscono infatti una minima parte degli operatori. Tutti gli altri sono sprovvisti delle più banali tutele lavorative.

Questi medici, infermieri, autisti soccorritori e operatori sanitari sono gli eroi – ha concluso Alfonso Piscitelli di Fratelli d’Italia – che ci hanno salvato dall’epidemia e meriterebbero più considerazione, ogni giorno. Bisogna prevedere una stabilizzazione straordinaria e assunzioni strutturate per dare dignità a tutti gli operatori sanitari e rispettare l’impegno, la dedizione e la professionalità che mettono sempre nel proprio lavoro assicurando ai pazienti la migliore assistenza possibile.

loading...

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]