Elezioni Regionali 2020, Piscitelli (FdI): La tratta ferroviaria Benevento-Cancello-Napoli è un disastro. Gli studenti e i lavoratori pendolari non possono essere abbandonati

Condividi

Questa che vedete in foto – ha esordito il Consigliere Regionale Alfonso Piscitelli (Fratelli d’Italia) – non è una linea ferroviaria dismessa. Sono i binari della ferrovia Benevento-Cancello-Napoli sui quali non passa un treno da ben sei mesi! Le ragioni? – ha continuato Piscitelli- Due dei nuovi treni Firema Alfa 2, risalenti ad una commessa di più di 10 anni fa ma inaugurati in pompa magna da De Luca, sono deragliati nel giro di pochi mesi. Poi il lockdown… e da allora, oltre all’istituzione di un servizio sostitutivo su gomma, non si sono più avute notizie da parte dell’EAV.

NARDONE

Quando riprenderà regolarmente – ha sottolineato il Consigliere Piscitelli – il traffico ferroviario su questa tratta fondamentale per chi da Benevento, dalla Valle Caudina e dalla Valle di Suessola si sposta verso Napoli? I nuovi treni sono sicuri? Qual è lo stato di salute della tratta?

Tra pochi giorni – ha evidenziato il Consigliere Regionale di Fratelli d’Italia Piscitelli – quando gli studenti e i lavoratori pendolari torneranno a spostarsi in massa, i bus sostitutivi a capienza ridotta per evitare i contagi, a bordo dei quali già adesso si fa fatica a garantire il rispetto delle regole di distanziamento, saranno sufficienti a garantire un servizio dignitoso e sicuro? Per quanto tempo questi mezzi dovranno ancora ingolfare il traffico della già congestionata Statale Appia o del tratto tra Cancello ed Acerra?

Sarebbe doveroso dare delle risposte – ha concluso Alfonso Piscitelli – a queste domande, per il rispetto degli utenti, degli stessi lavoratori dell’EAV che al momento non hanno certezze e di un intero territorio tra Caserta e Benevento, completamente abbandonato dalla giunta De Luca.

loading...

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]