Edilizia: Pelazzi (Argenta SOA): il calo della produzione in luglio (-3% su giugno) compromette l’andamento nel terzo trimestre, per il quale la variazione acquisita dell’attività é oggi di -4,7% rispetto al secondo

Condividi

“I dati presentati oggi dall’Istat sono un chiaro segnale d’allarme di cui la politica deve tener conto. Da elaborazioni del Centro Studi di Argenta SOA nel terzo trimestre la variazione acquisita dell’attività è di -4,7% rispetto al secondo. Al netto di improbabili rimbalzi in agosto e settembre, si va verso un calo significativo della produzione delle costruzioni nella media del terzo trimestre. Sarà il primo arretramento dopo sei incrementi trimestrali consecutivi; la precedente diminuzione si era avuta nel quarto trimestre del 2020.”
Lo dichiara Giovanni Pelazzi, presidente di Argenta SOA (www.argentasoa.it), una delle principali società organismo di attestazione che certifica le aziende per la partecipazione alle gare pubbliche, nel commentare i dati comunicati oggi dall’ISTAT sulla produzione nelle costruzioni a luglio.
Accelera la caduta della produzione nelle costruzioni in luglio secondo l’Istat: -3% rispetto a giugno, quando era già diminuita del 2,3% su maggio.
“Si tratta – dichiara il presidente di Argenta SOA Giovanni Pelazzi-  del quarto mese consecutivo di arretramento dell’attività, che ha registrato una caduta cumulata di ben sette punti percentuali, con i livelli di produzione tornati indietro sui valori di novembre scorso. L’andamento negativo del settore conferma le preoccupazioni che abbiamo sollevato in questi ultimi mesi e che il nostro Centro Studi ha raccolto presso i nostri imprenditori, elaborando i risultati di una survey mensile diffusa alle imprese con attestazione SOA. È vero che sono stati fatti passi avanti con l’emendamento al Decreto Aiuti bis per sbloccare la cessione dei crediti legati ai bonus edilizi – continua Pelazzi – ma non è chiaro ancora quale sarà la risposta del sistema finanziario e soprattutto quali saranno i tempi per la ripresa degli acquisti.”

L’incertezza nella definizione delle regole e i ritardi degli ultimi mesi, secondo il Centro Studi di Argenta SOA, hanno prodotto uno stato di incertezza e di preoccupazione che ha intaccato sia gli imprenditori che le famiglie generando rinvii e disdette per i lavori di ristrutturazione.

“Ci sono le condizioni per una “tempesta perfetta” che avrà ricadute molto negative per il settore e per il Paese: gli aumenti dei prezzi delle materie prime utilizzate nel settore stanno producendo un’onda lunga che durerà ancora; l’incertezza sulle regole da applicare; i costi energetici elevatissimi che impattano sui bilanci di famiglie e imprese riducendone la capacità di spesa e investimento, i timori sulle prospettive economiche del Paese e, infine, l’incertezza politica legata all’esito delle prossime elezioni parlamentari e alle scelte che saranno fatte per il comparto edile.
Questo contesto spiega anche la forte caduta delle aspettative degli imprenditori del settore: in agosto, sempre secondo l’ISTAT, sono crollati i giudizi sugli ordini e sui piani di costruzione. Le prospettive sono dunque notevolmente peggiorate”.
“Il peso del comparto edile– conclude Pelazzi- è rilevante sia in termini di contributo alla crescita del PIL (tra 2021 e la prima parte del 2022 ha dato il maggiore contributo alla ripresa economica) che in termini di occupazione, dando lavoro a circa 1,7 milioni di persone. Non tenere conto di ciò e lasciare cadere nel baratro le richieste degli imprenditori rappresenta, anche per il Governo che verrà, un errore che rischia di gettare sul lastrico molte famiglie”.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]