Ecco cos’ha riportato il Gip Chiara Gallo sull’assassinio del Vice Brigardiere Cerciello Rega

Condividi

Nell’ordinanza cautelare con cui è stato confermato il carcere per Christian Gabriel Natale Hjorth e Finnegan Lee Elder, accusati dell’omicidio del vicebrigadiere Mario Cerciello Rega, il gip Chiara Gallo ha scritto che i due turisti statunitensi “erano alla ricerca di sostanze stupefacenti nel corso della serata e che entrambi avevano bevuto alcol“.

Per il Gip le condotte dei due “testimoniano la totale assenza di autocontrollo e capacità critica evidenziandone la pericolosità sociale” ed è stata rimarca la “otale inconsapevolezza del disvalore delle proprie azioni come apparso evidente anche nel corso degli interrogatori durante i quali nessuno dei due indagati ha mostrato di aver compreso la gravità delle conseguenze delle loro condotte, mostrando una immaturità eccessiva anche rispetto alla giovane età“.

Per il Gip, inoltre, era concreto il pericolo di fuga e reiterazione del reato in relazione alle “modalità e circostanze del fatto e in particolare della disponibilità di armi di elevata potenzialità offensiva“.

Durante le indagini è poi emerso che il militare, durante l’aggressione, ha gridato: “Fermati, siamo carabinieri, basta“. Inoltre, sia la vittima che il collega Adriano Varriale avevano “avvicinato i due qualificandosi e mostrando i tesserini“.

L’arma del delitto è stato un “coltello a lama fissa lunga 18 centimetri tipo ‘Trenknife’ Kabar Camillus con lama brunita modello marine con impugnatura di anelli di cuoio ingrassato e pomolo in metallo brunito“.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]