È il momento della Destra liberale

Condividi
Anna Tortora
Anna Tortora

Mi sveglio con una gioia “feroce” per una destra nobile. La vera destra. Quella destra di uomini colti che, da bambina, hanno contribuito a creare in me i più svariati sensi di ammirazione. Parlo di Sella, Cavour, D’Azeglio, Minghetti, Balbo.

NARDONE

Quella destra che per la sinistra è un ago di carciofo, si insinua con legittimità perché può essere assimilabile, indica nel tempo, è nobile. Viva quegli uomini forti, quelli che hanno sempre studiato, contrariamente a ciò che vuol far credere certa sinistra. Oggi potrebbero essere indicati in uomini come Crosetto, Verdini, Fitto, Pera, Lupi, Tajani, Giorgetti Bagnai e donne come Bernini, Carfagna, Santanchè, che non ubbidiscono ciecamente, che insistono sulle loro convinzioni e cultura. Liberi, autentici, conservatori e liberali. Viva me, e lo dico a voce alta che, nonostante i pericoli di una destra ormai decaduta, ho messo tutta l’energia del mondo per arrivare a questo giorno, dove leggo a non essere la sola a voler ripartire dalla destra nobile e liberale.

Una destra che era ed è europeista, ma…

“…Unione Europea che ha perso, strada facendo, lo spirito cristiano e liberale (non liberal) che aveva ispirato i Padri fondatori, subito dopo il secondo conflitto mondiale”
Marcello Pera

“Ci sono almeno tre destre: la Destra liberale, un po’ conservatrice sul piano dei valori, liberista in economia, anticomunista e garantista; la Destra della tradizione, con significative varianti cattoliche o ribelli; la destra sociale e comunitaria, critica verso il dominio del mercato e il modello comunista”
Marcello Veneziani


L’Italia confonde, ancora oggi, la destra storica e liberale con il Fascismo.
Dati i risultati delle ultime regionali, possiamo affermare che è arrivato il momento di rianimare questa forza politica, fin troppo confusa e maltrattata.

“Matteo Salvini e Giorgia Meloni hanno portato il centrodestra al primato numerico. Ciò che manca è il primato politico. Il centrodestra è alla guida di 15 regioni. Il PD ne amministra 5, mentre il M5s, che è il primo Partito in Parlamento, non governa regione alcuna. È fin troppo evidente che ci troviamo di fronte ad un’anomalia…
L’anomalia, a costo di fare arrabbiare Daniele Capezzone, ha un nome preciso: moderazione”.
Giancristiano Desiderio

Ma dove finisce la moderazione e dove comincia la politica?
La politica può essere solo la politica delle piccole cose del tutto contingenti o è anche necessariamente affermazione di moderazione e di principi?

“Essere moderato significa riconoscere il limite della politica che per sua natura non può tutto e ciò che può e che deve consiste soprattutto nel garantire la libertà di azione dei singoli che sono e che restano gli artefici delle proprie vite ed imprese. Se si rispetta questo limite si acquista credibilità, ci si candida con autorevolezza a governare il Paese e, ciò che conta, gli elettori riconoscono la credibilità”.
Giancristiano Desiderio

Considerazioni simili sono, come ho avuto modo di constatare con i miei occhi, normali in Francia, Stati Uniti, Inghilterra, e quindi è tempo che anche l’Italia si metta al passo con le esperienze liberali (ripeto non liberal) più avanzate.
“Una guida moderata del centrodestra o, meglio, una solida identità liberale è una questione che riguarda da vicino sia Salvini sia la Meloni. Entrambi si devono interrogare su questo limite ossia il limite oltre il quale loro stessi non vanno e il limite che devono riconoscere d’intesa con gli italiani al potere politico e statale”.
Giancristiano Desiderio

Perché se amministrare significa fare danni, rimane l’intuizione di quel vecchio liberale inglese, lo Spencer: il Governo migliore è quello che governa di meno.

loading...

Anna Tortora

Anna Tortora

Nata a Nola. Si è laureata alla Pontificia facoltà teologica dell'Italia meridionale. Le sue passioni sono la politica, la buona tavola, il mare e la moda. Ha militato per diversi anni in Azione Giovani e poi in Alleanza Nazionale. Accanita lettrice, fervente cattolica e tifosa del Milan.