Draghi resta a Palazzo Chigi

Condividi
anna tortora
Anna Tortora

Si premeva per Draghi al colle, scelta strana quanto azzardata. Fortunatamente non andrà così: Mario Draghi resta a Palazzo Chigi. Ovviamente tutto può cambiare o quasi.
“Dopo essere stati obnubilati da quei quattro amici di un solo colore che hanno nella stampa italiana Financial Timese Economist sono tornati a consigliare a Draghi di restare a Palazzo Chigi, posizione di cui sui giornali inginocchiati al Premier non c’è traccia.”
Augusto Minzolini, direttore de Il Giornale

“Per Mario Draghi l’aria è cambiata. Ora tutta la politica è coalizzata contro di lui…”
Alessandro Sallusti, direttore di Libero

E ancora Minzolini
“Nella sua scomposta corsa verso il Colle Draghi da Premier,senza aver ricevuto da un Capo dello Stato in carica ha cominciato a fare consultazioni per mettere al posto del suo un altro governo. Fuori da ogni liturgia e con la Costituzione sotto i tacchi.”
Il punto è che Draghi non piace più a nessuno. E il popolo è incazzato nero. E le votazioni?
“I mille e passa ‘grandi elettori’ non sono sembrati, visto che si limitano a sfilare davanti all’urna senza votare: non hanno l’aria di aver capito che cosa il Paese si aspetta dalle sue istituzioni.”
Antonio Polito, editorialista del Corriere della Sera

Si è persa la bussola. Tra autocelebrazioni e sfilate da postare sulle proprie pagine social, l’elezione del Presidente della Repubblica è diventata faccenda da gossip.
“Il solo fatto che un Parlamento in seduta comune che è presieduto e numericamente dominato dai grillini stia ragionando se eleggere presidente un brillante ed esperto ex doroteo come Casini, una autorevole berlusconiana doc come Casellati, un raffinato giurista socialista craxiano come Amato e un grande eurocrate e banchiere centrale come Draghi…
ecco basta questo per dare l’idea del fallimento totale dei 5 Stelle, e fa capire la colossale portata delle bugie che hanno raccontato per un decennio e più.”
Alberto Giannoni, giornalista

Draghi resterà a Palazzo Chigi, nonostante il malvolere di tutti.
“Sembra che nessuno voglia Draghi.”
Vittorio Sgarbi
“Sintesi politica. Draghi al Colle non ha senso sia che ritenga la sua azione di governo pessima (perché premiarlo?), sia che la si ritenga ottima (perché spostarlo?). Poi fate come cazzo vi pare.
Postilla necessaria: una parte di coloro che ritengono il suo governo ottimo spinge la sua candidatura al Colle con la motivazione che guiderebbe l’azione di governo anche da lì. È bene sapere che una cosa del genere in termini tecnici è eversione dell’ordine costituzionale.”
Vladimiro Giacché, filosofo e saggista
Beh…
“La Costituzione dice che è il Presidente della Repubblica che nomina il Presidente del Consiglio mentre lui, ho l’impressione, che sia un PDC che vuole scegliere il PDR”
Marco Travaglio, Il Fatto Quotidiano

Voci di corridoio dicono che Draghi voglia sapere chi andrà al Colle, solo così rimarrà a Palazzo Chigi.
“…apre uno scenario che riconsegna piena democrazia ai cittadini. Quando si divide il Paese in una sorta di apartheid è chiaro che Draghi non rappresenta l’unità nazionale né la Costituzione”
Mario Adinolfi, giornalista e presidente del Popolo della famiglia

Ho poco da aggiungere, auspico solo in un Presidente della Repubblica che garantisca l’unità nazionale.

Anna Tortora

Nata a Nola. Si è laureata alla Pontificia facoltà teologica dell'Italia meridionale. Le sue passioni sono la politica, la buona tavola, il mare e la moda. Ha militato per diversi anni in Azione Giovani e poi in Alleanza Nazionale. Accanita lettrice, fervente cattolica e tifosa del Milan.