Dopo X Factor e Area Sanremo ETTA torna in radio con la reinterpretazione del singolo di Vasco Rossi “Mi piaci perché”

Condividi
Torna in scena la giovanissima cantante “Etta” con la cover di un famoso brano di Vasco Rossi “Mi piaci perché“, singolo di denuncia contro la violenza sulle donne. Contenuta nell’album “Bollicine” del 1983, la canzone è stata scelta per l’esordio in chiave rock dell’artista, che ricordiamo per la sua partecipazione ad “Xfactor” 2014 e per aver vinto “Area Sanremo” nel 2021. In questa interpretazione Etta abbandona il suo stile hip hop per abbracciare il sound pop – rock del singolo proponendolo in una versione ben più originale.
La versione ( distribuita da ADA Music Italy– https://ada.lnk.to/mipiaciperche ) è stata completamente riarrangiata da V- Rus, il producer che la segue da sempre. Grazie alla sue capacità di trasformazione il brano diventa quasi una versione punk rock, caratterizzata da riff che sfiorano lo stile “metal”, bassi distorti e drumming esasperato. In più enfatizzata dal cantato aggressivo e fastidioso, con un approccio sospirato ed inquieto che crea l’atmosfera drammatica della violenza.
Qui la figura femminile (ispiratrice del mondo “Vasco”) viene trasformata in vittima; sostituendo una sola parola, “Mi piaci perché” diventa una vera e propria denuncia sulla violenza alle donne. Le strofe descrivono le fasi di un amore malato: la prima strofa riguarda la fase di un corteggiamento oppressivo e carnale, la seconda si rivolge alla fase di manipolazione fisica o mentale, la terza (la più grave) quella che sfocia nel maltrattamento fisico che può portare in alcuni casi anche alla morte.
Un giorno, canticchiando il brano, Etta si ricorda del racconto di una ragazza che subì una violenza in casa. Da qui è partita l’idea di rifare la canzone, insieme al suo producer per sensibilizzare il pubblico su questo tema. “Nessuna donna deve sentirsi inadeguata e pensare di meritare uno schiaffo o ben peggio una violenza per un suo comportamento. Bisogna continuare a parlarne per prevenire il più possibile queste azioni da parte degli uomini” ha dichiarato la cantante.
Etta, seppur giovanissima, ha già un talento fuori dal comune. Inizia a scrivere e comporre nel 2017, con la collaborazione di V-Rus. Prova e sperimenta di continuo, utilizzando diversi linguaggi e stili con l’intento di creare qualcosa di suggestivo, in funzione di un messaggio da lasciare.
Nonostante i suoi brani siano prettamente “pop”, cerca di esasperare questo genere portandolo ad un “estreme-pop”.   Nel 2019 pubblica il suo primo singolo, “Il mio supereroe” ed il suo primo album “Diverso”, ottenendo un buon riscontro anche all’estero. Con l’uscita nel 2020 di “Il mio deserto” e “Bionico” nel 2021 registra centinaia di migliaia di ascolti sulle piattaforme digitali ed in questa occasione utilizza per la prima volta nei suoi brani le sonorità hip –hop. Grazie all’inedito “Bam Bam” partecipa ad “XFactor 2014” e riceve l’attenzione di pubblico e stampa. A novembre 2021 vince “Area Sanremo” con il singolo “Woman” (ADA Music Italy), grazie al massimo dei consensi da parte della giuria formata da Piero Pelù, Peppe Vessicchio, Franco Zanetti, Mauro Ermanno Giovanardi, Marta Blumi Tripodi e Vittorio De Scalzi.
Il 14 gennaio 2022 esce il singolo “P.O.P”, prodotto da V-Rus e distribuito da ADA Music Italy (Warner), dove Etta tocca tematiche molto delicate come la posizione della donna nell’ambiente musicale ( specie nel mondo rap) ed il superamento dei pregiudizi. Il pezzo è inserito in diverse playlist di Apple Music ed accompagnato dal videoclip ufficiale dove Etta ne cura anche la regia. Segue l’uscita del singolo “Woman”, che le ha permesso di passare alla fase successiva di Area Sanremo davanti ad Amadeus e alla commissione RAI per le selezioni di Sanremo Giovani 2021. A giugno Etta parte con un tour promozionale con la sua band (guitar: V_Rus, bass: Mars Seejail, drum: Massimo Troisi ) che la vedrà impegnata in numerosi eventi e festival in tutta Italia.
Mi piaci perché” anticipa l’uscita a Settembre del nuovo EP ( POP ROCK).

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]