“Donna lo devi a te”, serata di beneficenza a Nola FS

Condividi

L’evento si colloca tra le tante iniziative di sensibilizzazione promosse dall’associazione “Mi Difendo” contro la violenza di genere.

Sabato 30 Novembre 2019, alle ore 20, presso la Chiesa dei Santi Apostoli a Nola, si terrà l’evento di beneficenza “Donna lo devi a te”, organizzato dall’associazione “Mi Difendo”.
locandina donna lo devi a teL’inaugurazione della mostra fotografica “Donna a testa scalza contro la violenza” di Rocco Antonio Valente segnerà l’inizio della rassegna: una giovane donna, affetta dall’età di tre anni da alopecia universale, ha accettato l’invito a farsi fotografare a testa scoperta e a rompere anni di silenzio e sofferenza.
L’alopecia è una patologia che annienta l’essere donna, ne frustra l’esistenza e le rende inermi in contesti sociali in cui l’immagine la fa da padrona: pur di vedersi uguali alle altre, le donne affette da alopecia sono costrette a sostenere esose spese per l’acquisto di impianti e parrucche.
Il mancato riconoscimento di un contributo a fronte dei costi per le cure e per l’acquisto di protesi può considerarsi una forma di discriminazione e di “violenza silente”: l’associazione “Mi Difendo” non ci sta, e intende partire dall’evento del 30 Novembre per lanciare una campagna.
Il programma della serata prevede, oltre alla mostra fotografica, i monologhi “A Te Donna”, dell’attore Benito Raimo, e “Lo Devo A Me”, scritto da Carmela D’Antò e interpretato dall’attrice Carmela Sirignano. In conclusione, performance live dell’artista Rocco Antonio Valente e dalla fotografa Teresa Franzese.
L’evento sarà condotto dal presentatore Ettore Dimitroff e oltre a celebrare la donna in tutte le sue sfaccettature prevede la partecipazione di diversi personaggi dello spettacolo, tra cui Laura Maddaloni, campionessa di judo e moglie del pugile Clemente Russo.

foto mostra donna lo devi a te

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]