Domenico Bellantone è il nuovo Console Generale a Londra

Condividi

Classe 1972, Domenico Bellantone è laureato in scienze politiche presso l’Università Luiss di Roma ed inizia la carriera diplomatica nel 2000. Tra i suoi incarichi, dopo essere stato alla Direzione Generale Integrazione Europea, è stato nominato secondo segretario commerciale a Tripoli nel 2004 e primo segretario a Il Cairo nel 2008. Nel 2011 torna a Tripoli con funzioni di primo segretario commerciale e poi di consigliere. Per due volte al Gabinetto del ministro degli Affari Esteri, nel 2016 è capo della Segreteria del sottosegretario di Stato e nel 2018 alla Direzione Generale Risorse e Innovazione. Nel 2018 assume l’incarico di primo consigliere a Washington, incarico che è durato fino ad agosto dove il 23 inizia il suo mandato a Londra dove ha preso il posto di Marco Villani. Questo il suo messaggio di saluto:

“Care e cari connazionali, nell’assumere con orgoglio ed entusiasmo l’incarico di Console Generale d’Italia a Londra rivolgo a tutti voi il mio più caloroso saluto. Sono profondamente onorato di poter rappresentare una delle più ampie e dinamiche collettività italiane all’estero.

Assolverò questo impegno nella piena consapevolezza che dietro l’erogazione ogni servizio consolare ci sono le esigenze di vita, i bisogni e le priorità di ciascuno di voi.

Non verrà quindi lesinato alcuno sforzo per rendere il più possibile efficienti ed accessibili i nostri servizi e per individuare soluzioni – anche digitali – attente alle necessità di una comunità di cui andiamo fieri: un’inestimabile risorsa per l’Italia e un patrimonio umano unico anche nel quadro del consolidamento delle già eccellenti relazioni bilaterali tra Italia e Regno Unito.

Domenico Bellantone Londra 23/08/2022”

I migliori auguri al Console Bellantone da parte della SMS Engineering di tutte le Aziende e Associazioni Italiane che operano nel regno Unito.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]