Dai futuri geometri le soluzioni per l’abbattimento delle barriere architettoniche

Condividi

Premiati alla Sapienza i migliori progetti proposti dagli studenti per favorire l’inclusione nel nostro Paese

Si è tenuta mercoledì 8 giugno, presso l’Aula Magna “Bruno Zevi” della Facoltà di Architettura di Valle Giulia la cerimonia di premiazione della decima edizione del concorso nazionale “I futuri geometri progettano l’accessibilità”.

Il concorso è stato promosso da FIABA Onlus e dal Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati, in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione. L’iniziativa è stata patrocinata dal Ministero delle Infrastrutture e Mobilità Sostenibili, dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, dall’ANCI, dalla Cassa Geometri, dall’UNI – Ente Italiano di Normazione. La decima edizione è stata realizzata grazie al sostegno di GEOWEB SpA, KONE, Topcon Positioning Italy Srl e Vittorio Martini 1866.

La cerimonia di premiazione, condotta dalla Consigliera di FIABA Onlus Federica De Pasquale, è stata aperta dal videomessaggio di saluto del Ministro per le disabilità Erika Stefani, la quale si è rivolta a studenti e studentesse dichiarando: “So che siete consapevoli dell’importanza non solo pratica, ma anche fortemente simbolica, di questi lavori. Ogni gesto, ogni nuova idea, ogni progetto sono sempre utilissimi quando bisogna percorre insieme – sottolineo, insieme – la strada che porterà verso una società del futuro inclusiva e moderna”. Ha continuato il Ministro Stefani: “L’obiettivo a cui si ispira questo concorso è fare sì che tutte le barriere, quelle fisiche ma soprattutto quelle culturali, vengano rimosse. E lo dobbiamo a voi giovani, che siete il futuro di questo Paese e coloro che vivranno la società che oggi stiamo costruendo”.

A seguire, il video dell’Onorevole Giusy Versace, che ha ricordato anche l’architetto Fabrizio Vescovo, il quale è mancato due anni fa ed “ha tracciato una strada importante verso un percorso virtuoso che vale la pena di seguire, perché quanto più un contesto è progettato e pensato davvero per tutti, tanto più le persone con disabilità si sentiranno parte della società“.

A seguire Giuseppe Trieste Presidente di FIABA Onlus, ha notato come “Quest’anno i futuri geometri hanno portato nuovi temi al concorso. Non solo l’eliminazione delle barriere architettoniche, quindi, ma anche il rispetto per l’ambiente e la rigenerazione degli spazi urbani. Si tratta di necessità forti per le nuove generazioni che vogliono cambiare il mondo.

MAU 2269Nel suo intervento, Maurizio Savoncelli Presidente del Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati, ha affermato “Questa iniziativa ha progressivamente condotto gli studenti a misurarsi con quanto appreso nel corso degli studi, consentendo loro di sperimentare quali riposte professionali fosse possibile applicare al proprio ambiente urbano per avviare una riqualificazione nell’ottica dell’Universal Design e dell’accessibilità. E non solo, questa opportunità li ha proiettati inizialmente nella conoscenza delle prassi di riferimento UNI, successivamente delle misure fiscali per l’abbattimento delle barriere architettoniche e dei bonus edilizi più notori. Si tratta di norme e temi che caratterizzano la nostra economia e la corretta espressione di un ruolo tecnico, un confronto che ha rappresentato un importante momento di crescita e di grande esperienza per dei ragazzi.”

“È importante declinare insieme sostenibilità, design e accessibilità per un Paese migliore e alla portata di tutti i cittadini” ha dichiarato Barbara Casagrande, Direttore generale per l’edilizia statale, le politiche abitative, la riqualificazione urbana e gli interventi speciali del Ministero delle Infrastrutture e delle Mobilità Sostenibili.

 Il periodo appena vissuto – ha detto Marco Nardini Presidente GEOWEB SpA – ci ha insegnato l’importanza di sfruttare le nuove tecnologie di elaborazione delle idee. Tradizione e innovazione diventano oggi il connubio principale per rispondere alle sfide sociali su tematiche ambientali e di accessibilità. In un mondo continuamente soggetto a cambiamenti, la X edizione del Concorso dedicato ai futuri geometri, è stata l’occasione per gli studenti di sperimentare i servizi del nostro Portale GeoSDH per elaborare i dati acquisiti dalla realtà fisica e creare modelli digitali di nuvole di punti, partendo dai rilievi sul campo”.

Successivamente, Giorgio Fermanelli Accessibility Segment Manager KONE ha commentato: “Finalmente abbiamo avuto l’occasione di stare insieme e stavolta in presenza, per vivere ancora più intensamente l’esperienza della premiazione del concorso FIABA per i giovani geometri. Il loro impegno rappresenta per KONE l’esempio più vivido che la società moderna deve accogliere valorizzando gli sforzi per un futuro inclusivo e senza barriere.

Presenti in sala: Massimiliano Toppi, Marketing Communications Manager Topcon Positioning Italy Srl; Tommaso Empler, Professore Associato del Dipartimento di Storia, Disegno e Restauro dell’Architettura della Sapienza Università di Roma; Veronica Nicotra, Segretario Generale Anci; Enrico Rispoli Consigliere e Segretario del Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati; Paolo Nicolosi, Consigliere del Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati; Elena Mocchio, Responsabile Innovazione e Sviluppo UNI – Ente Italiano di Normazione; Carmelo Garofalo, Consigliere della Cassa Geometri.

Il premio Speciale KONE, al miglior progetto che abbia previsto l’installazione di sistemi di trasporto verticale, è stato assegnato all’IIS “Camillo Cavour” di Vercelli con il progetto “In Sport VIRTUS” per l’adeguamento dell’accessibilità dei spogliatoi e spalti dello stadio della Virtus Vercelli.

(Altre foto sul nostro sito: https://www.fiaba.org/concluso-concorso-dei-futuri-geometri-2022/)

I premiati di questa decima edizione:

sezione “Edifici pubblici e scolastici”:

IIS “Vignarelli” di Sanluri;

IT “Garibaldi-Da Vinci” di Cesena;

IIS “G. A. Giobert” di Asti.

Sezione “Spazi Urbani”:

ITS “G.G. Marinoni” di Udine;

IIS “A. Meucci” di Casarano;

ISISS “Marco Casagrande” di Pieve di Soligo.

Sezione “Strutture per il tempo libero”:

IIS “B. Radice” di Bronte;

ITET “Bramante-Genga” di Pesaro;

IIS “G. Antonietti” di Iseo

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]