Da Confcommercio, la richiesta di ampliamento dello spazio all’aperto per i pubblici esercizi. Gagliano: “ordinanza penalizzante, salviamo le festivita’ ”

Condividi

Salerno, 17 dicembre 2021 – Una richiesta di deroga sulle concessioni di occupazione del suolo pubblico rilasciate ai pubblici esercizi che fa seguito all’ordinanza regionale n. 27 del 15.12.2021 è stata recapitata al Comune di Salerno, da parte della sede territoriale di Confcommercio Campania, all’attenzione di Alessandro Ferrara e Claudio Tringali, rispettivamente assessore alle Attività Produttive e alla Sicurezza e Trasparenza. In considerazione delle limitazioni al consumo in luogo pubblico ed alla vendita per asporto introdotte dalle nuove disposizioni in oggetto per il periodo delle festività natalizie, nella nota si legge l’invito a riconsiderare l’opportunità di prevedere, in via straordinaria per  il periodo di interesse, l’ampliamento provvisorio, ove possibile, delle concessioni per l’occupazione di suolo pubblico affidate alle attività commerciali per l’installazione di tavoli  e sedie. “Riteniamo che l’incremento dei posti a sedere all’aperto nei Pubblici Esercizi possa costituire un valido disincentivo al formarsi di assembramenti spontanei, oltre che un sostegno significativo ad imprese che stanno, tuttora, pesantemente scontando i riflessi  economici della pandemia” – sottolinea Confcommercio Campania, con il presidente provinciale, Giuseppe Gagliano che aggiunge: “Restiamo a disposizione per ogni forma di approfondimento e di confronto, consapevoli dell’importanza di prevenire dei comportamenti che possano dar luogo alla diffusione dei contagi, ma considerando che bisogna, per quanto possibile, alleviare il disagio causato da un’ordinanza che è penalizzante assai per le attività, soprattutto per quelle – e sono tante, che non dispongono di sedute e lavorano soltanto con l’asporto”.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]