Cultura. Trend in crescita per Segreti d’Autore. Baldi: “Felice, ma non sorpresa”

Condividi

Si chiude con un trend in crescita la dodicesima edizione di “Segreti d’Autore”, il Festival ideato da Ruggero Cappuccio e diretto da Nadia Baldi. Negli 11 giorni di programmazione, sono stati migliaia gli spettatori che hanno assistito agli eventi di un appuntamento ormai irrinunciabile dell’estate cilentana. Un successo testimoniato dai numeri, ma anche dall’attenzione mediatica di una rassegna che quest’anno ha dato grande spazio al genio musicale. Aperta dall’anteprima con il Maestro Riccardo Muti e chiusa dall’omaggio di Luca Pincini e Gilda Buttà al talento inimitabile di Ennio Morricone. Scenario principale lo storico palazzo Coppola di Valle/ Sessa Cilento (Sa), ma spettacoli molto apprezzati dal pubblico ci sono stati anche a Roccagloriosa, Serramezzana, San Mauro Cilento e Ortodonico/Montecorice. “Sono davvero felice, ma non sorpresa – dichiara con orgoglio la regista Nadia Baldi-, la magia di questo piccolo grande Festival si ripete infatti da 12 anni. Non solo perché si basa su un’intesa culturale tra chi vi assiste e chi lo realizza, ma anche perché è capace di coniugare bellezza e natura, arte e legalità in un luogo di suggestioni antiche e di moderna armonia. Tra mondi che solo in apparenza sono distanti e grazie all’impegno di operatori del settore che, caso unico in Italia, mettono a disposizione con generosità le loro conoscenze e professionalità”.  “Segreti d’Autore” è riconosciuto dal Ministero della Cultura e finanziato dalla Regione Campania, con Sessa Cilento comune capofila della manifestazione e la collaborazione della Provincia di Salerno. Le mostre allestite a palazzo Coppola in occasione della rassegna saranno visitabili fino all’11 settembre, mentre dal 7 settembre si potrà partecipare ai 5 cinque giorni intensivi del laboratorio gratuito residenziale “YogaCanto”, a cura di Roberta Rossi. Prenotazioni all’indirizzo mail [email protected]

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]