Cultura. Regione Campania a salvaguardia del patrimonio linguistico, convegno a Napoli il 13 e il 14 dicembre.

Condividi

“Salvaguardare un patrimonio linguistico”. Questo è il titolo del convegno in programma al teatro Nuovo di Napoli il 13 e il 14 dicembre, organizzato dal Comitato scientifico nominato dalla Regione Campania per la salvaguardia e la valorizzazione del patrimonio linguistico napoletano, in collaborazione con la Fondazione Campania dei Festival diretta da Ruggero Cappuccio. 

La Regione ha infatti promulgato nel 2019 una legge ad hoc, e l’anno successivo, con la consulenza dei Rettori delle Università campane, ha nominato i componenti del Comitato: Maurizio De Giovanni, Nicola De Blasi, Armando De Rosa, Umberto Franzese, Rita Librandi, Francesco Montuori e Carolina Stromboli. 

Nei due giorni del Convegno, studiosi provenienti da tutto il Paese si confronteranno su diverse tematiche e punteranno a definire i diversi ambiti della denominazione “patrimonio linguistico napoletano”, anche in rapporto alla variegata articolazione dialettale dell’area regionale campana e alla storia linguistica dell’intera nazione. Durante il convegno si parlerà tra l’altro dell’incontro tra dialetto e scuola in Sicilia, delle minoranze linguistiche storiche, del Vocabolario del romanesco contemporaneo e del Vocabolario etimologico veneziano. Il Convegno proporrà tra l’altro una riflessione su come nella scuola italiana del XXI secolo possa delinearsi – senza antagonismi con la lingua italiana – uno spazio per il dialetto, con una consapevole attenzione verso le manifestazioni culturali e artistiche legate ai patrimoni linguistici locali.  

Il Convegno prenderà il via alle 15.30 di martedì 13 dicembre, con i saluti istituzionali delle autorità e proseguirà mercoledì 14 con una “Tavola rotonda” coordinata da Generoso Picone e con due interventi dedicati alla figura di Giovan Battista Basile. A chiusura dell’evento, dalle 12.30, l’attore Claudio Di Palma leggerà alcuni brani da “Lo cunto de li cunti”, capolavoro barocco in napoletano e fonte ancora oggi di moderna affabulazione teatrale. 

Il Comitato scientifico per la salvaguardia e la valorizzazione del patrimonio linguistico napoletano ha ottenuto i patrocini di: Regione Campania, Consiglio Regionale della Campania, Ministero dell’Istruzione e del Merito-Direzione scolastica della Campania, Città Metropolitana di Napoli, Dipartimento Studi Umanistici dell’Università di Napoli Federico II, Dipartimento Studi letterari, Linguistici e Comparati dell’Università di Napoli L’Orientale, Ordine dei Giornalisti della Campania, UNPLI Unione Nazionale delle Pro Loco d’Italia APS, UNPLI Campania APS, UNPLI Napoli APS, Pro Loco Napoli, Pro Loco Villaricca APS e I.S.I.S. Boccioni-Palizzi. 

  

SALVAGUARDARE UN PATRIMONIO LINGUISTICO 

Napoli, 13-14 dicembre 2022 

Teatro Nuovo 

 

Martedì 13 dicembre 2022 

15.30 Saluti delle autorità 

Presiede Rita Librandi 

15.45 Nicola De Blasi (Università di Napoli Federico II), Riflessioni preliminari su patrimoni e salvaguardia 

16.10 Carla Marcato (Università di Udine), Prospettive e iniziative per una salvaguardia dei patrimoni linguistici in Friuli e in Veneto 

16.35 Giovanni Ruffino (Università di Palermo), Dialetto e scuola in Sicilia 

17.00 Tullio Telmon (Università di Torino), Minoranze linguistiche e dialetti 

17.25 Pausa 

Presiede Francesco Montuori 

17.40 Paolo D’Achille e Kevin De Vecchis (Università di RomaTre), Il Vocabolario del romanesco 

18.05 Francesco Avolio (Università dell’Aquila), Un patrimonio da recuperare: la “Campania dei contadini” un secolo dopo 

18.30 Luca D’Onghia (Università di Bergamo), Nel laboratorio del VEV (Vocabolario etimologico-storico del veneziano) 

18.55 Pietro Maturi (Università di Napoli Federico II), Salvaguardia del patrimonio linguistico: la Campania 

 

Mercoledì 14 dicembre 2022 

9.30 Tavola rotonda: 

Modera Generoso Picone 

Intervengono Carmela Fiola (Presidente Commissione Cultura Regione Campania), Nicola De Blasi, Maurizio de Giovanni, Armando De Rosa, Umberto Franzese, Antonino La Spina (Presidente dell’UNPLI-Unione Nazionale Pro Loco d’Italia), Rita Librandi, Francesco Montuori, Giovanni Ruffino, Rosanna Sornicola 

11.30 Domenico Antonio D’Alessandro (Conservatorio di musica “Lorenzo Perosi” di Campobasso), Giovan Battista Basile tra “favole” campanilistiche e realtà documentaria 

11.55 Carolina Stromboli (Università di Salerno), Il dialetto del Cunto de li cunti 

12.30 Claudio Di Palma, lettura da Lo cunto de li cunti di Giovan Battista Basile 

Comitato scientifico del convegno: Maurizio de Giovanni, Nicola De Blasi, Armando De Rosa, Umberto Franzese, Rita Librandi, Francesco Montuori, Carolina Stromboli. 

L’iniziativa è contro il sistema della camorra 

 

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]