Cultura. A Segreti d’Autore Luca Pincini e Gilda Butta’ in concerto per Morricone

Condividi

Chiusura in bellezza per gli eventi della dodicesima edizione di “Segreti d’autore”, il Festival ideato da Ruggero Cappuccio e diretto da Nadia Baldi.

Luca Pincini (violoncello) e Gilda Buttà (pianoforte) sono gli attesi protagonisti di “Absolutely … Ennio Morricone”, il concerto in programma il 21 agosto alle 21.30 in piazza Tommaso Amoresano ad Ortodonico/Montecorice.

I due interpreti rappresentano quanto di più continuativo, sia in senso artistico che umano, ci sia stato nell’aver affiancato Ennio Morricone lungo vari decenni della sua carriera. Ciò è avvenuto nelle sale di registrazione e sui palcoscenici del mondo intero, come solisti, fino a sperimentare le formazioni più eterogenee. Gli stessi hanno visto nascere un numero enorme di partiture, condividendo dalle prime letture alle lunghe e intense prove, dalle prime esecuzioni alle numerosissime repliche, con la costante ed attenta presenza dell’Autore. Sono loro, oggi, testimonianza di un enorme patrimonio musicale, di un irripetibile stile. Infatti, parlando di Morricone, lo si può chiamare così, unico nel suo genere, fatto di incroci virtuosi tra la musica assoluta e quella applicata all’immagine filmica. I due solisti hanno sempre mantenuto e mantengono il rispetto per l’originalità delle partiture, pur nelle diverse versioni strumentali. In tal modo restituiscono l’autenticità del pensiero esecutivo del Compositore, rimasto indelebile nel quotidiano ricordo.

Nel programma saranno presenti tra i titoli più famosi del Cinema, Opere di Musica Assoluta, prime esecuzioni e pagine espressamente dedicate dall’Autore. Per assistere all’evento, in collaborazione con Montecorice DiWine Jazz Festival, non è necessaria alcuna prenotazione.

Il Festival “Segreti d’Autore” è riconosciuto dal Ministero della Cultura e finanziato dalla Regione Campania, con Sessa Cilento comune capofila della manifestazione e la collaborazione della Provincia di Salerno.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]