Crollo ponte Morandi, soccorsi h 24: oltre 300 Vvf sul posto

Condividi
Continua a Genova la ricerca dei dispersi, decine le vittime. Attivi 2 numeri della prefettura. Salvini nel pomeriggio sul posto dopo il comitato nazionale ordine e sicurezza pubblica in programma a San Luca. «Grazie ai soccorritori»
vigili del fuoco su troncone ponte morandi

È proseguito per tutta la notte a Genova il lavoro dei Vigili del fuoco impegnati nei soccorsi e nella ricerca dei dispersi dopo il crollo, ieri in tarda mattinata, del ponte Morandi sull’A10.

Oltre 300 sul campo gli operatori Vvf che provengono da tutta la Liguria con rinforzi, fin da ieri, da Lombardia, Piemonte, Toscana, Veneto ed Emilia Romagna. Tra di loro i nuclei Usar (Urban Search and Resuce) e quelli cinofili, specializzati nella ricerca e nel soccorso di persone, e le unità Saf (Speleo Alpino Fluviali) – il ponte si trova sul torrente Polcevara -, Nbcr (Nucleare, Biologico, Chimico, Radiologico), per fare fronte a eventuali fughe di gas.

Decine le vittime e i feriti, i numeri al momento sono provvisori e in costante aggiornamento, mentre si cercano i dispersi: 7 le persone tratte in salvo ieri sera dai Vvf. Oltre 400, invece, le persone evacuate dagli 11 palazzi interessati che si trovano sotto il ponte, per le necessarie verifiche.

Per segnalazioni e ricerca delle persone disperse la prefettura di Genova ha attivato due numeri telefonici dedicati – 010.5360637 e 010.5360654 – e un indirizzo di posta elettronica per informazioni, richieste e segnalazioni: [email protected].

Sul fronte degli interventi, è riunito in seduta permanente il comitato operativo per il coordinamento degli interventi del dipartimento della Protezione civile convocato ieri dal capo del dipartimento Angelo Borrelli, che si è recato sul posto nel pomeriggio insieme al premier Antonio Conte. Il comitato opera in raccordo con la regione Liguria, il centro coordinamento soccorsi attivato dalla prefettura e il centro operativo comunale di Genova.

Il vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini, che ha trascorso ieri le ore immediatamente successive al crollo nella sala operativa dei Vvf al Viminale, prima di partire per Catania, sarà anche lui oggi a Genova dopo aver presieduto, come di consueto a Ferragosto, il comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza pubblica, in programma questa mattina a San Luca, Reggio Calabria, nella villa confiscata a una famiglia della ‘ndrangheta.

Salvini, che segue «minuto per minuto» l’evoluzione della situazione, ha ringraziato fin da ieri tutti i Vigili del fuoco, i volontari, i medici, i soccorritori, il pensiero rivolto alle vittime, chiedendo che si faccia presto chiarezza sulle responsabilità del crollo.

Anche la Polizia di Stato si è attivata immediatamente fornendo informazioni aggiornate sulle modifiche alla viabilità e aiuto nei soccorsi.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]