Crisi tra Russia e Ucraina, ecco quanto costa alle imprese campane

Condividi

Nell’est dell’Ucraina si rischia un conflitto ad alta intensità e la situazione vede la presenza di una molteplicità di fattori che aumentano la complicazione della situazione attuale. L’Ucraina oggi è un paese eterogeneo, sia per lingue parlate che per religioni professate, mentre i suoi confini hanno pochi decenni di vita. E’ un Paese relativamente “giovane”, indipendente solo da trent’anni, con 45 milioni di abitanti ed un’estensione che arriva a 603mila chilometri quadrati, inclusa la penisola di Crimea. Gran parte dei suoi settori economici e dei suoi scambi commerciali sono strettamente connessi con la Russia.

Ma quanto vale l’interscambio economico della nostra Regione con l’Ucraina?

Oggi l’Italia è il secondo partner commerciale dell’Ucraina in Europa e il terzo nel mondo, grazie prevalentemente al Veneto e alla Lombardia per quanto riguarda la quota italiana nell’interscambio.

Tra l’Ucraina e l’Italia è in vigore un Accordo sul libero scambio che permette al 97% della merce di passare per la frontiera senza dover pagare le imposte doganali.

La merce che vende l’Ucraina in Campania secondo  il Console Generale Viktor Hamotskyi, comprende innanzitutto il grano (un quarto del venduto in Italia), inoltre prodotti siderurgici (l’Ucraina sta al decimo posto tra i paesi stranieri per la vendita di questi prodotti in Campania), oli e grassi vegetali e animali (al sesto posto come venditore straniero per la Campania).  La quota dell’Ucraina nelle importazioni della Campania è del 2 %.

La percentuale più alta delle importazioni ucraine dalla Campania riguarda il settore dell’abbigliamento, di cui si annovera il 20% degli acquisti, prodotti da forno (rappresentano il 15 % delle importazioni dalla Campania), calzature (la quota è del 10%), la restante percentuale si divide tra la quota della frutta e dei macchinari industriali.

Per l’approfondimento della cooperazione ucraino-italiana in vari settori va assolutamente tenuto conto del potenziale della città di Napoli e della regione Campania.

 

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]