Covid 19. Che prevalga anche in Italia il buonsenso

Condividi
anna tortora
Anna Tortora

Alla luce dei fatti, non si può più parlare di pandemia. A cosa servono le chiusure, sempre siano servite in pieno?
Il vaccino salva, su questo c’è poco da discutere, ma anche la libertà ora va tutelata e difesa.
“…’Ordinare ai cittadini di vaccinarsi contro il covid o di sottoporsi, a proprie spese, a dei test tutte le settimane, non fa parte dell’esercizio quotidiano del potere federale, ma è un’intrusione nella vita e nella salute di larga parte dei lavoratori dipendenti’.
Corte Suprema degli Stati Uniti d’America, nelle motivazioni della sentenza che ha bocciato l’obbligo vaccinale per le aziende con più di cento dipendenti proposto dal presidente Biden
Imparate, stalinisti.”
Gerardo Verolino, giornalista

Ma in Italia la gente sembra fuori controllo…
“La gente sta impazzendo, vacciniamoci e smettiamo di fare tamponi a caso.
Tamponi solo ai sintomatici. Basta tamponi agli asintomatici.”
Matteo Bassetti, infettivologo

Circolare ministero della Salute: i positivi al covid asintomatici non saranno più nel conto dei ricoveri.
Grazie a ciò che ha affermato proprio Bassetti giorni fa e su cui ho già scritto.
Inoltre ci sono le parole di Francesco Vaia, Direttore dello Spallanzani, da ribadire ogni volta.
“Il virus si è endemizzato ed assume, sempre di più, la parvenza di una normale influenza stagionale. I vaccini studiati per la versione originale del Covid 19, alla luce della variazione OMICRON, non servono più.”
Sembra molto chiaro.
“Il vero pericolo non è mai stato il virus ma il fanatismo. Grazie professor Vaia per la ragionevolezza e lo stile.”
Giancristiano Desiderio, giornalista e scrittore

Gli italiani sono confusi, quasi vorrebbero stare chiusi a vita!
“Purtroppo non possiamo confidare nell’istinto anarchico degli italiani perché nell’attesa dell’immunità di gregge ci siamo ritrovati gregge, e non c’è neanche da sperare nel genio italico perché da quando abbiamo accettato i monopattini in luogo delle rombanti automobili – fosse pure una Panda dal motore truccato – il destino dei discendenti di Leonardo Da Vinci…”
Pietrangelo Buttafuoco, giornalista e scrittore

La dichiarazione di Andrea Crisanti: “Questa maratona vaccinale è sbagliata. Fare vaccini ogni quattro mesi ha un costo sul nostro sistema immunitario. Non è una cosa buona
«La corsa alle varianti a cui stiamo assistendo è legata alla poca efficacia nel tempo di questi vaccini. Serve una strategia diversa. Bisogna investire in vaccini diversi, di seconda generazione, che abbiano una durata maggiore, non a mRna ma mutuati su quelli tradizionali che inducano risposte molto più prolungate. Se durassero due o tre anni non saremmo in questa situazione. Non è possibile imporre questa maratona vaccinale a un’intera popolazione ogni quattro mesi. Nel lungo termine non è sostenibile.”

Inoltre…
“Pandemia burocratica! Questo è diventato il Covid. Dopo un’intera giornata di lavoro con medici, farmacisti, dirigenti sanitari per cercare di dare risposte ai cittadini in balìa di regole complicate e in continuo cambiamento su isolamento, certificati e quarantena, sono sempre più convinto che così non si possa più andare avanti. Il Governo decida al più presto di tamponare solo i sintomatici, altrimenti non saremo travolti dai malati ma dalle carte e dai tamponi.”
Giovanni Toti, governatore della regione Liguria

Anna Tortora

Nata a Nola. Si è laureata alla Pontificia facoltà teologica dell'Italia meridionale. Le sue passioni sono la politica, la buona tavola, il mare e la moda. Ha militato per diversi anni in Azione Giovani e poi in Alleanza Nazionale. Accanita lettrice, fervente cattolica e tifosa del Milan.