Coronavirus. Zinzi a De Luca: “Andiamo in Aula e troviamo insieme risorse, ma facciamo presto”

Condividi

“Un piano sulla carta vasto e che presenta alcuni buoni spunti, ma anche delle mancanze. Apprezziamo la menzione ai disabili e alle famiglie con bambini affetti da disturbi dello spettro autistico, attendiamo però di conoscere – per queste categorie come per le altre – le linee guida per l’erogazione dei fondi e soprattutto i tempi. De Luca venga in Aula a presentare il suo programma di interventi, per illustrare anche quei particolari che in una diretta facebook a volte vengono dimenticati, in modo da permetterci di migliorarlo e di trovare insieme le risorse soprattutto nelle maglie del bilancio regionale. Così com’è stato concepito, infatti, questo piano di aiuti impoverisce i cittadini di contributi invece necessari per i servizi essenziali. Si faccia, ma presto e bene”. Così il consigliere regionale Gianpiero Zinzi interviene sul piano economico illustrato oggi dal Presidente De Luca.

 

Caro lettore, ilmonito.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

ILMONITO crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] - Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]