Coronavirus, Nappi: “No sanatorie immigrati, sì aiuti per Made in Italy”

Condividi

“Piuttosto che proporre improbabili sanatorie per seicentomila immigrati irregolari, il governo dovrebbe occuparsi di sostenere i lavoratori del settore agricolo che vive un vero e proprio dramma. Invece di aiutare chi fino ad oggi si è dovuto prestare al lavoro nero e sottopagato che ha fatto “dumping” agli altri, Teresa Bellanova propone una sanatoria che rischia di scatenare una concorrenza al ribasso tra lavoratori, una vera e propria guerra tra poveri. No alla sanatoria, si’ a un sistema di aiuti per un comparto decisivo per il Made in Italy abbandonato da mesi a se stesso”. Lo scrive in una nota Severino Nappi di Il Nostro Posto.

NARDONE
loading...

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]